Indietro
menu
Le proposte ai comuniI

La ricetta di Cna per tenere in piedi le piccole imprese nel 2021

In foto: Davide Ortalli (CNA)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 21 dic 2020 13:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il 2020 è stato un anno drammatico a causa delle tante vite perse per via della pandemia ma anche dal punto di vista economico per tante imprese. Specie quelle più piccole. Artigiani, commercianti, pubblici esercizi sono aggrappati alla speranza che il 2021 rappresenti l’inizio di una ripresa e di una stagione di riforme. Cna ha deciso allora di mettere nero su bianco alcune proposte rivolte alle amministrazioni comunali con l’obiettivo di tenere in piedi le piccole imprese.

RISTORI SENZA BUROCRAZIA

Alleggerire i processi decisionali e semplificare le procedure, a tutti i livelli. Anche semplicemente per la gestione dei ristori a livello locale adottare misure semplici, favorire autocertificazioni adottando protocolli di controllo successivo.

CALMIERARE IL COSTO DEGLI AFFITTI

Negozi, artigiani e botteghe di vicinato stanno pagando il prezzo più alto di questa crisi.
Ripopolare commercialmente i centri storici e naturali deve essere vista come una vera mission del “Servizio Pubblico” a favore della comunità considerando che vetrine spente equivalgono a centri storici impoveriti e poco frequentati.
Il vero costo non più sopportabile per i bilanci di queste imprese è legato all’affitto ed è qui che occorrono misure straordinarie che vanno dalla regia di un protocollo/accordo con i proprietari al sostegno vero e proprio che consenta di calmierare questa voce di spesa non solo per le attività nei centri storici.

MISURE PER LE NUOVE IMPRESE – tax free three

Sostenere l’avvio d’impresa in quanto tale con riconoscimento di un contributo a fondo perduto una tantum calcolato sui costi di avvio sostenuti (beni strumentali, utenze, affitto, spese impianto e costituzione). Questa misura, già presente in diversi Comuni, andrebbe adottata da tutte le Amministrazioni e semplificata. In aggiunta, esonerare per i primi tre anni di vita dalla tassa sui rifiuti, quella sul suolo pubblico, quella sulla pubblicità e sulle addizionali, può diventare un aiuto concreto per favorire la nascita e i primi complicatissimi anni di vita di un’impresa.
Le misure di sostegno sull’affitto sopra richiamate dovrebbero essere ulteriormente incentivanti per chi apre in locali chiusi da tempo.

NO SANZIONI SÌ RATEIZZAZIONI

Per tutto il 2021 sulle forme di tassazione locale prevedere l’annullamento delle sanzioni per i ritardati pagamenti e forme straordinarie di rientro rateizzato senza interessi.

INVESTIRE NELLE RETI DIGITALI E NELL’ECONOMIA GREEN

Un programma di investimenti pubblici nelle reti a fibra ottica dei poli produttivi e la semplificazione dei procedimenti per il rilascio delle concessioni edilizie, devono essere alla base dei programmi di tutte le Amministrazioni Locali (Regioni, Provincie e Comuni). Gli adeguamenti degli strumenti urbanistici volti a favorire la conversione del patrimonio edilizio unitamente a una soluzione per superare l’annosa questione della discrepanza tra stato di diritto e stato di fatto che rischia di pregiudicare gli interventi di efficientamento previsti dalle recenti normative incentivanti, devono essere al centro dell’agenda politica.

IL LAVORO LO CREA L’IMPRESA

Incentivare la creazione di nuovi posti di lavoro deve essere l’obiettivo principale di ogni Pubblica Amministrazione. Le tante e giuste risorse destinate oggi al sostegno sociale di prima necessità, di chi non trova lavoro o di chi lo perde, possono essere in parte destinate anche a diminuire in modo consistente il costo del lavoro. A tal proposito sarebbe utile sostenere strumenti già esistenti che perseguono proprio questo obiettivo, come il Fondo per il Lavoro della CARITAS PROVINCIALE.

Notizie correlate