Indietro
menu
"Parole controtempo"

Tra autorevolezza e fake news. Questa sera conferenza online con Carlo Sini

In foto: Carlo Sini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 27 nov 2020 10:00 ~ ultimo agg. 10:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Per l’ultimo incontro del ciclo “Parole controtempo” promosso dalla Biblioteca Comunale di Misano, questa sera alle 21 in diretta streaming, Carlo Sini, uno dei filosofi italiani più seguiti e stimati, proporrà una riflessione sulla parola Autorevole.

Le fake news sono parte del discorso umano da sempre: chi parla può dire il vero oppure no. Difficile proteggersi perché si crea un evidente conflitto, che non sappiamo risolvere, tra il principio di autorità e il principio di legittima conseguenza, e quindi di verità effettiva di quello che si dice. È l’autorità che espone la notizia a renderla credibile. “L’hanno detto gli scienziati” si dice, come se questo fosse autorevole. Nel mondo della cultura di massa a cosa si va incontro quando l’autorevolezza è quella della popolarità? Nel fenomeno degli influencer, il principio di autorità continua a essere imperante, ma in una forma demenziale e assolutamente incontrollabile. La relazione tra la notizia e il consumatore della notizia è impazzita, e ormai chi la spara più grossa ha più successo sul piano dell’opinione pubblica, anche se temporaneo.

Per seguire l’incontro, il link: https://youtu.be/U3FDgn2Qi5Y

Carlo Sini, già professore di Filosofia teoretica presso l’Università Statale di Milano, è membro dell’Accademia dei Lincei. Studioso del pragmatismo americano e della fenomenologia, ha sviluppato un rilevante approccio teorico ai legami tra filosofia e scrittura, con particolare riguardo all’alfabeto greco inteso come forma logica del pensiero occidentale. Negli ultimi anni si è dedicato a un’ampia sistemazione “enciclopedica” del sapere filosofico che lo ha condotto a discutere i temi della pratica tra etica, politica ed economia. Tra i suoi libri: Il comico e la vita (Milano 2003); Figure dell’enciclopedia filosofica. Transito verità (Milano 2004-2005, in 6 voll.: 1: L’analogia della parola: filosofia e metafisica; 2: La mente e il corpo: filosofia e psicologia; 3: Origine del significato: filosofia ed etologia; 4: La virtù politica: filosofia e antropologia; 5: Raccontare il mondo: filosofia e cosmologia; 6: Le arti dinamiche: filosofia e pedagogia); Archivio Spinoza. La verità e la vita (Milano 2005); Del viver bene: filosofia ed economia (Milano 2005); Distanza un segno: filosofia e semiotica (Milano 2006); Eracle al bivio. Semiotica e filosofia (Torino 2007); Da parte a parte. Apologia del relativo (Pisa 2008); L’uomo, la macchina, l’automa: lavoro e conoscenza tra futuro prossimo e passato remoto (Torino 2009); L’Eros dionisiaco (Milano 2011); Scrivere il silenzio: Wittgenstein e il problema del linguaggio (Roma 2013); Spinoza (Milano 2013); La solidarietà delle pratiche (Milano 2014); Il profondo e l’espressione (Milano 2014); Il pensiero delle pratiche (Milano 2014); Reale, più-che-reale, virtuale (Milano 2014); Figure di verità (Milano 2014); Enzo Paci: Il filosofo e la vita (Milano 2015); Inizio (Milano 2016); Trittico (Milano 2018); Lo specchio di Dioniso. Quando un corpo può dirsi umano? (con C.A. Redi, Milano 2018); Dante (Nocera Inferiore SA 2019); Il gioco della verità. Semiotica ed ermeneutica: 1\2 (Milano 2019); La vita dei filosofi (Milano 2019); Perché gli alberi non rispondono. Lo spazio urbano e i destini dell’abitare (con G. Pasqui, Milano 2020); E avvertirono il cielo. La nascita della cultura (con T. Pievani, Milano 2020).