Indietro
menu
Cronoprogramma aggiornato

Rotatorie Montescudo e Consolare sulla SS16, lavori conclusi per il 2022

In foto: SS16-Consolare
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 21 ott 2020 13:39 ~ ultimo agg. 22 ott 11:22
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il senatore riminese del Movimento 5 Stelle Marco Croatti del Movimento 5 Stelle ha ottenuto ASPI (Autostrade per l’Italia) un aggiornamento sul cronoprogramma dei lavori per gli interventi sulla SS16.

Il programma aggiornato prevede che l’intervento più lungo e complesso, la rotatoria tra la SS16 e la SS71 (Consolare di San Marino), comincerà a marzo 2021 e si concluderà ad ottobre 2022, dopo circa 19 mesi di lavori. Partiranno a settembre 2021 i lavori per la rotatoria tra la SS16 e via Montescudo che saranno completati però prima, visti i sei mesi di cantiere stimati, nel febbraio 2022.

Gli interventi previsti sulla Statale 16 saranno nove, oltre alle due rotatorie compongono questo pacchetto di interventi la realizzazione di nuovi tratti di viabilità ordinaria, sottopassi cicolpedonali e tratti di piste ciclabili che al termine dei lavori saranno dati in proprietà e gestione, in base alle proprie competenze, ad ANAS; Provincia di Rimini e Comuni di Rimini, Riccione, Misano Adriatico, Coriano. L’impegno complessivo di spesa supera i 32 milioni di euro ed è completamente a carico di ASPI Autostrade per l’Italia.

Commenta Croatti: “È indispensabile continuare a tenere alta l’attenzione su questi interventi affinchè ASPI rispetti questo cronoprogramma senza ulteriori ritardi. La nostra provincia ha urgente necessità di dotarsi di queste fondamentali opere viarie e chiudere i due buchi neri sulla Statale 16 che creano enormi problemi di viabilità con pesanti ricadute sulla qualità della vita, l’inquinamento, l’economia del territorio e i flussi turistici. L’apertura di questi cantieri a marzo rappresenterebbe anche una importante iniezione di fiducia per un territorio che sta attraversando una fase difficilissima e che ha bisogno di segnali positivi per rilanciarsi e guardare al futuro con maggiore ottimismo”.