Indietro
menu
Con la Biblioteca Gambalunga

"Come curarsi (o ammalarsi) coi libri". Al via con un incontro online

In foto: la cartolina
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 22 ott 2020 10:40 ~ ultimo agg. 12:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dal 24 ottobre al 19 dicembre 2020 torna “Biblioterapia. Come curarsi (o ammalarsi) con i libri”, rassegna quest’anno in versione online curata da Oriana Maroni per la Biblioteca Gambalunga, con il contributo e patrocinio di IBC e il contributo di SGR, la collaborazione dell’Ufficio scolastico di Rimini. Il primo incontro sarà in versione online. Gli altri potranno tenersi in presenza o meno, con aggiornamento da parte dei promotori; lo streaming sarà garantito per tutti gli appuntamenti.

“Fatti di tempo. Tempo dell’io. Tempo del mondo” è il tema dei nove incontri.

Protagonista dell’incontro, in live streaming dalle ore 17.00, sulla pagina FB o youtube della Biblioteca Gambalunga, sarà il fisico di fama internazionale Eugenio Coccia, con la lezione magistrale “Il tempo secondo la Fisica”.

www.bibliotecagambalunga.it

Per lo streaming:

www.youtube.com/channel/UCP954gcXbH5dQAGjJYmLILg

www.facebook.com/bibliotecagambalungarimini


La presentazione del primo incontro:

Crediamo di sapere cosa sia il tempo, che è costitutivo delle nostre esistenze, dei nostri corpi e delle nostre menti, in realtà, come per tutte le cose in cui siamo immersi, non sappiamo esattamente cosa sia. Inoltre, il “tempo del virus”, modificando gli spazi, i riti, le ciclicità delle nostre esistenze, ci ha fatto talora percepire di essere in un “tempo senza tempo”, ma ha anche acuito la consapevolezza che c’è un tempo nostro e uno vissuto con gli altri.

A Eugenio Coccia, membro del gruppo Premio Nobel 2017 per la Fisica, uno degli autori della scoperta delle onde gravitazionali e della prima osservazione della fusione di due buchi neri, il compito di introdurci nei misteri del tempo. Un primo passo necessario: la fisica ha visto il concetto di tempo trasformarsi in modo radicale, da Newton a Einstein, alla meccanica quantistica, infine alle teorie sulla gravità a loop. E la lettura del tempo da parte della fisica è un’avventura che ancora continua.

Eugenio Coccia, docente di Fisica Sperimentale, fondatore e rettore del Gran Sasso Science Institute, ha diretto esperimenti per la ricerca delle onde gravitazionali al Cern di Ginevra e nei laboratori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Frascati. Coccia è stato direttore dei laboratori Infn del Gran Sasso. È stato anche Consigliere della Società Europea di Fisica e ha fatto parte del Comitato di Esperti per la Politica della Ricerca. Attualmente è membro del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto Nazionale di Astrofisica. Ha ricevuto la Medaglia “Giuseppe Occhialini” dall’Institute of Physics e dalla SIF, è membro della “Academia Europaea” e Fellow della European Physical Society. Ha recentemente pubblicato: Il suono della bellezza. Spazio, tempo e altre simmetrie, Feltrinelli, 2019

 

 

 

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO