Indietro
menu
domani inizio anno ufficiale

Seminario regionale. E' iniziato il nuovo servizio di don Andrea Turchini

In foto: don Andrea Turchini, rettore del seminario regionale
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 24 set 2020 16:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“L’apertura dell’anno formativo del Seminario regionale Flaminio Benedetto XV è un’occasione preziosa da “cogliere per condividere un messaggio di fondata fiducia e di tenace speranza alle nostre Chiese particolari”. Lo scrivono i Vescovi della Conferenza Episcopale dell’Emilia-Romagna e tra questi il vescovo Lambiasi in una lettera redatta in occasione dell’apertura dell’anno formativo del Seminario Regionale, in programma domani pomeriggio a Bologna. Attualmente sono 22 i seminaristi, due dei quali della diocesi di Rimini. La novità di quest’anno è che l’equipe di formatori è guidata dal nuovo rettore, don Andrea Turchini. E’ il secondo riminese nella storia del seminario regionale a ricoprire questo incarico. In precedenza, era toccato a don Nevio Ancarani, dal 1958 al 1971.

Chiederò il dono di uno sguardo capace di vedere la Grazia di Dio che opera nella vita di coloro che chiedono di essere formati; – dice don Turchini – il dono un cuore capace di condividere la passione per la missione; braccia aperte per vivere la fraternità e per sostenere chi fatica. Chiediamo in particolare i doni della sapienza e della fortezza per saper discernere la volontà di Dio e saper orientare le persone a compierla”.

I vescovi, nella loro lettera, si rivolgono ai seminaristi ma anche ai formatori vecchi e nuovi. Un pensiero va pure a tutti i presbiteri delle diocesi, ricordando che “il primo dono che possiamo offrire alle nostre comunità è quello di una amicizia e fraternità concretamente vissute nel presbiterio”. I Vescovi, infine, si rivolgono a tutti i fedeli delle diocesi rinnovando “la domanda di una preghiera assidua per le vocazioni” e a tutte le comunità parrocchiali, le associazioni, i movimenti e le aggregazioni ecclesiali invitando “a rinnovare la loro vita seguendo l’invito del Vangelo, con una partecipazione assidua e corresponsabile alla vita della comunità cristiana”.

Secondo una tradizione antica, l’inizio ufficiale dell’anno del Seminario avverrà presso il Santuario della Beata Vergine di san Luca. Alla s. Messa, presieduta da S.E. il cardinale Matteo Zuppi, presidente della Ceer e arcivescovo di Bologna, prenderanno parte tutti i vescovi delle nove diocesi afferenti al Pontificio Seminario Regionale Flaminio e diversi rettori delle stesse diocesi.

Oltre a don Andrea, la nuova équipe di formatori è composta da don Giampiero Mazzucchelli (vicerettore) e don Adriano Pinardi (direttore spirituale). Ai 22 seminaristi della Regione si aggiungono, su richiesta dei rispettivi vescovi, 1 seminarista della Diocesi di Sulmona-Valva (CH) al terzo anno e 2 della Diocesi di san Severo (FG) al sesto anno. Fanno inoltre parte della comunità formativa, due diaconi dell’Arcidiocesi di Ravenna-Cervia (in preparazione al presbiterato) e un adulto della Diocesi di Cesena-Sarsina (percorso di discernimento verso il presbiterato).

Altre notizie
di Redazione
Tra troppe presunte certezze

Andrà tutto boh!

di Gianluca Angelini
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione