Indietro
menu
la stagione si allunga

Con Riccione Winter suolo pubblico per attività e spiaggia aperta

In foto: Mare d'Inverno 2019
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 29 set 2020 14:06 ~ ultimo agg. 23:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Riccione Square Estate 2020” diventa “Riccione Winter” e si allunga almeno fino a Pasqua. Per le attività che ne faranno richiesta sarà possibile continuare ad utilizzare suolo pubblico fino giugno (“180 giorno a partire dal 1 gennaio“) per posizionare tavolini e sedie all’esterno. Da primavera sono stati 105, 81 pubblici esercizi in area territoriale e 24 sul demanio, i pubblici esercizi che hanno aderito all’iniziativa pensata per ripartire in sicurezza.

Riccione Winter, però vuole andare al di là del semplice ampliamento di superfici perché conterrà in sé – spiega l’amministrazione – anche lo spirito della manifestazione “Riccione Mare d’Inverno” che prevede l’uso della spiaggia, con lettini e attrezzature estive anche nei mesi più freddi, ma anche con la proposta di eventi a carattere ludico-sportivo, culturali e di intrattenimento.

Per aderire al progetto i pubblici esercizi dovranno presentare un’apposita domanda e passati 5 giorni se non si riceve un diniego da parte degli uffici, la domanda risulterà approvata. Il canone demaniale per la parte ampliata non può essere esentato così come disposto dall’art. 16 del regolamento di esecuzione del codice della navigazione.

Ancora una volta crediamo che sia compito dell’amministrazione programmare la griglia di base in cui lasciare però autonomia all’impresa privata, nel caso di Riccione Winter al pubblico esercizio  di somministrazione – dichiara il sindaco di Riccione, Renata Tosi -. Il progetto Riccione Winter, riconferma la nostra linea, quella già messa in pratica con Riccione Square Estate 2020 e Mare d’Inverno: ossia massima libertà all’imprenditore per scegliere le soluzioni migliori in collaborazione con il contesto e la zona in cui opera. E filo diretto e costante confronto con gli uffici comunali. Questa abitudine ad includere e a trasformare la città in base alle esigenze della comunità e dei suoi cittadini, con i limiti della convivenza e del rispetto, ci ha garantito il lavoro quest’estate. Ci ha permesso di avere una stagione e noi abbiamo funzionato meglio degli altri. Ma non chiudiamo certo con ottobre, la nostra città, le nostre piazze e la nostra spiaggia non chiudono, guardiamo già al 2021”.