Indietro
menu
Concorrenza a esercizi locali

Truck food in piazzale Fellini. Per Confcommercio evento inopportuno

In foto: il logo del festival
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 21 ago 2020 11:46 ~ ultimo agg. 12:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

C’era davvero bisogno di quattro giorni di Streeat Food Truck Festival in piazzale Fellini a Rimini. Lo chiedono Gaetano Callà della Fipe e Gianni Indino della Confcommercio di Rimini. Una manifestazione che non attira turismo esterno e che penalizza gli esercenti locali in un anno difficile, dicono.


Marina Centro sta per essere invasa dai truck food, i camioncini che servono il cibo di strada. Dopo il weekend di Ferragosto occupato dalla manifestazione che ha portato gli stand della birra – spiega il presidente di Fipe della provincia di Rimini, Gaetano Callàora arrivano quattro giorni con un format itinerante di street food organizzato in varie città sul territorio nazionale, che sbarca a Rimini in piena stagione portandosi dietro quest’anno anche il Festival dell’hamburger. Ce n’era davvero bisogno? Proprio in questo periodo di agosto, in cui in pochi mesi le attività del territorio stanno lavorando per far quadrare i conti annuali e in cui si insiste sul pericolo assembramenti per tenere sotto controllo il virus, non crediamo che questa sia una manifestazione opportuna. Non si tratta di un evento di richiamo per il turismo, di quelli che fanno arrivare le persone da lontano, ma anzi soddisfa una delle domande di chi è già qui a Rimini, proponendo un’offerta che il nostro territorio già garantisce, in tutte le sue declinazioni e con molte eccellenze. In particolare nella zona di Marina Centro insistono decine di pubblici esercizi stagionali e annuali che hanno in quelle stesse specialità il loro core business. Rimini, patria dei pub, della piadina e di mille altre specialità enogastronomiche e di eccellenze a chilometro zero ha bisogno dello street food nel cuore della Marina? Sarebbe bastato coinvolgere i nostri operatori, che meglio di chiunque altro sanno far conoscere e apprezzare la nostra enogastronomia senza dover riempire Marina Centro di food truck da ogni angolo d’Italia e non solo”.

Dopo aver perso il lavoro legato alle fiere, ai ponti primaverili, alla Pasqua e anche buona parte dei turisti estivi, come dimostrano i dati statistici – dice il presidente di Confcommercio della provincia di Rimini, Gianni Indinoora si apre alla concorrenza esterna proprio nel momento clou di agosto. L’amministrazione è già dovuta intervenire in aiuto dei pubblici esercizi per evitarne la chiusura definitiva con un provvedimento che consente l’utilizzo di spazi esterni senza costi aggiuntivi per le attività: un sollievo per le imprese, che ora si va in parte a vanificare consentendo vendita e somministrazione di cibo e bevande per un lungo weekend di agosto a soggetti esterni al circuito strutturato dei pubblici esercizi, che si gioveranno degli sforzi altrui fatti fin qui per raddrizzare una stagione durissima. Non si può con una mano dare e con l’altra mano togliere. Già in un’estate normale non sarebbe stato digeribile, in questa estate post lockdown una manifestazione di quattro giorni di questo tipo è totalmente indigesta ai pubblici esercizi del luogo. Non possiamo rimanere in silenzio. Questa non è animazione per il territorio, ma speculazione senza valore aggiunto”.

Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Redazione   
di Redazione