Indietro
menu
dalla ragioneria di stato

Pertinenziali. Dopo il passo indietro, arriva il via libera

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 14 ago 2020 12:18 ~ ultimo agg. 16:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il passo indietro che aveva mandato su tutte le furie operatori turistici e politici locali sui pertinenziali è arrivata ieri sera la ‘bollinatura’, cioè il sostanziale il via libera da parte della Ragioneria di Stato. La stessa che aveva bocciato l’emendamento un paio di mesi fa. Un passo in avanti per evitare costi esorbitanti per i canoni per circa 300 operatori turistici in Italia, le cui attività insistono su queste aree.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Rimini Andrea Gnassi:  “Un nuovo importante passo per la soluzione sulla quale Rimini e Anci  stanno da molti mesi lavorando. E di questo voglio darne atto al Governo, che sta mantenendo gli impegni presi. E’ stata recepita la nostra proposta e le richieste partite da Rimini e portate avanti da Anci, in sinergia con le categorie. Così come annunciato, le istanze contenute nell’emendamento di luglio – prima vagliato positivamente poi bocciato in linea tecnica dalla Ragioneria dello Stato – sono state recepite nel decreto ‘Agosto’, con l’abolizione del canone Omi per le pertinenze e la definizione agevolata dei contenziosi. L’esperienza recente ci invita a non lasciarci andare agli entusiasmi e, dopo la bollinatura di ieri da parte della Ragioneria dello Stato sull’articolo 100, di attendere l’ufficializzazione in Gazzetta Ufficiale, ma si va finalmente delineando un risultato decisivo per la sopravvivenza di centinaia di imprese di questo comparto strategico per lo sviluppo turistico futuro dei territori”.

Notizie correlate
di Redazione