Indietro
menu
nel giardino

Il Fellyricon di Lodola donato al Grand Hotel

In foto: Rimini; 05/08/2020: le terrazze del grand hotel lodola, zanin ©Riccardo Gallini /GRPhoto
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 6 ago 2020 11:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un grande Fellini luminoso alto 3 metri che interpreta una delle foto più celebri, scattata sul set di “8 e mezzo” da Tazio Secchiaroli. E’ stato svelato ieri pomeriggio ‘Fellyricon’, la nuova opera che l’artista della light art Marco Lodola, insieme a Simona Ventura e Giovanni Terzi, hanno voluto donare al Grand Hotel e a Rimini.

Ad accendere la scultura luminosa, che sarà posizionata nel giardino del Grand Hotel, è stato ieri pomeriggio l’artista Lodola, insieme al Sindaco di Rimini Andrea Gnassi e all’attore e scrittore Bruno Zanin, celebre per essere stato il Titta di Amarcord, ospiti del quarto incontro della Terrazza della Dolce Vita, il ciclo di appuntamenti che ogni giorno, fino all’11 agosto, vedrà personaggi della cultura, dell’arte e dello spettacolo raccontarsi e raccontare i propri sogni, intervistati dal giornalista, scrittore e conduttore televisivo Giovanni Terzi.

Tutto si immagina’, diceva Fellini e questa è la chiave con cui abbiamo voluto sin dall’inizio celebrare questo centenario – commenta il Sindaco – per fare di Rimini un luogo visionario in continuo divenire, con l’apporto incessante di arte e artisti per esaltare l’eredità di Fellini. L’opera di Lodola dà forma, luce e sostanza a questa traiettoria e si colloca in un monumento che è idealmente la quarta gamba del Museo Fellini”.