Indietro
menu
circa 40 i tamponi effettuati

Turista positiva a covid. Ausl: situazione circoscritta

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 20 lug 2020 15:16 ~ ultimo agg. 21 lug 11:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La situazione può considerarsi circoscritta e sotto controllo” . Così l’Ausl Romagna sul caso della turista 17enne modenese risultata positiva al coronavirus (vedi notizia). L’azienda sanitaria ricostruisce anche gli eventi, la tempistica e il protocollo messo in atto.

La paziente era arrivata il primo luglio e soggiornava in un appartamento in affitto a Riccione. Il 13 luglio, dopo l’insorgere di alcuni sintomi , la paziente ha contattato la Centrale Operativa della Continuità assistenziale (Guardia medica), che, seguendo il protocollo in essere, ha attivato l’Unità speciale di Continuità Assistenziale (Usca) che la ha visitato a domicilio ed effettuato il tampone, rivelatosi poi positivo. La paziente ha dunque fatto rientro nella città di residenza con trasporto protetto (ambulanza attrezzata), dove è in isolamento domiciliare sotto la sorveglianza sanitaria dell’Ausl di Modena.

Immediatamente l’Igiene pubblica di Rimini dell’Ausl Romagna ha avviato l’indagine epidemiologica sul territorio individuando le persone con le quali la turista ha avuto contatti nei giorni della sua permanenza nel nostro territorio, che sono state a loro volta poste in isolamento domiciliare e sottoposte a tampone. Sono stati effettuati circa 40 tamponi su persone residenti nella provincia di Modena ed in vacanza a Riccione, e da essi sono emerse due nuove positività, che fanno riferimento a due giovani turisti che avevano avuto contatti stretti con la prima paziente. Si tratta di persone del tutto asintomatiche e, al momento, spiega l’Ausl “la situazione sembra possa considerarsi circoscritta“. Anche questi pazienti hanno fatto ritorno in ambulanza nella città di residenza, dove restano in regime di isolamento domiciliare.

L’Ausl coglie l’occasione per ribadire che, anche in vacanza, è fondamentale rispettare le disposizione sociali mirate a limitare il contagio da covid 19.