Indietro
menu
Sanificazione, fase due

Ieg si affida a GBAC per lo standard internazionale di sanificazione

In foto: l'A.D. di IEG, Corrado Peraboni
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 30 lug 2020 13:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Inizia la Fase 2 del progetto safebusiness di Italian Exhibition Group che si è affidata al programma GBAC STAR per raggiungere lo standard internazionale di sanificazione dei quartieri fieristici di Rimini e Vicenza. Il programma permetterà di stabilire e mantenere sui processi di pulizia e sanificazione un controllo basato sulla formazione e responsabilizzazione del management e dei dipendenti IEG. La mitigazione del rischio associato al covid-19 parte dalle procedure standard di pulizia, attraverso la scelta degli equipaggiamenti e dei prodotti scelti, sino alla gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti dalla pulizia degli ambienti, e verrà periodicamente verificato con audit interni.

Con tutti i protocolli adottati dagli organizzatori oggi le fiere sono tra i luoghi più sicuri – dice l’AD di IEG, Corrado PeraboniFrequentiamo nuovamente hotel, proviamo abiti nei negozi, ci alleniamo in palestra. Non appena si svolgerà la prima fiera sarà evidente a tutti che le fiere sono luoghi sicuri al pari degli altri. E se già da alcuni mesi i protocolli di sicurezza sono stati fissati, con questa ulteriore iniziativa collegata a GBAC STAR™ abbiamo inteso aggiungere un tassello determinante al servizio del nostro pubblico e dell’intera azienda. Un valore per tutta la filiera del nostro sistema fieristico, sino agli espositori, agli stakeholders sul territorio e ai visitatori”.

IEG – aggiunge Mario Vescovo direttore operation e di sede del plant IEG di Vicenza che ha sviluppato l’operazione – è la prima azienda italiana che ha iniziato questo programma di accreditamento che si è nel tempo corroborato con le prassi adottate in seguito alla diffusione di malattie infettive in zone particolarmente sensibili del pianeta e per noi significa implementare il progetto #safebusiness che ha già ridisegnato spazi, accesso, consuetudini all’interno dei nostri quartieri fieristici per le manifestazioni in calendario a partire da settembre”.

GBAC, acronimo di Global Biorisk Advisory Council, è una divisione di ISSA, International Sanitary Supply Association, l’associazione internazionale delle industrie delle pulizie.