Indietro
menu
Un progetto che divide

Parco eolico al largo di Rimini. Montevecchi (Lega): grave deturpamento

In foto: dalla sintesi del progetto
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 11 giu 2020 14:40 ~ ultimo agg. 14:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Matteo Montevecchi, consigliere regionale della Lega, interviene sul progetto del parco eolico offshore che prevede l’installazione di 59 pale  alte 125 metri al largo delle coste riminesi, attualmente nella fase dell’istanza per la concessione (vedi notizia).

“Vista mare a Rimini non va deturpata da pale eoliche. Questi eco-mostri sono deleteri per la nostra offerta turistica”, dice Montevecchi.
“Condivido le preoccupazioni e i moniti lanciati dall’associazione ambientalista Italia Nostra, poiché non si può trattare questo dibattito superficialmente, dimenticandosi da un lato del grave deturpamento che subirebbe il paesaggio e, dall’altro, le conseguenti ripercussioni economiche negative per le attività della riviera che lavorano col turismo. Credo che 59 alte pale piazzate in mezzo al mare non faciliteranno di certo la vita alla nostra offerta turistica, ma rischierebbero di penalizzarla, alterando quella bellezza paesaggistica resa possibile proprio grazie alla mancanza di ostacoli visivi”.

E rivolgendosi a “Europa Verde” e al Presidente della Provincia di Rimini Riziero Santi: “Prima di applaudire o promuovere l’approdo di questi eco-mostri, bisognerebbe riflettere su questi aspetti, altrimenti si rischia di rimanere distanti dalla realtà”.

Notizie correlate
di Redazione