Indietro
menu
l'81enne resta in fin di vita

Nuovo intervento per l'anziana rapinata. Gli aggressori restano in carcere

In foto: i carabinieri sul luogo della rapina
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 23 giu 2020 16:51 ~ ultimo agg. 24 giu 13:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Restano in carcere i due albanesi di 20 e 33 anni che sabato sera hanno rapinato in strada, a Morciano, una donna di 81 anni riducendola in fin di vita per poco più di 100 euro (vedi notizia). Il giudice, questa mattina, ha convalidato per entrambi il fermo di polizia giudiziaria così come richiesto dal pubblico ministero Annadomenica Gallucci. E’ decaduta però l’aggravante di aver commesso il fatto con l’uso delle armi. I due rapinatori, finiti a terra dopo aver travolto in scooter l’anziana, si erano dati alla fuga con la borsa. Uno dei due, durante quegli attimi concitati, era stato visto da alcuni testimoni raccogliere a terra una pistola. L’arma, una scacciacani priva del tappo di sicurezza, era poi stata sequestrata all’alba di domenica dai carabinieri di Riccione, guidati dal comandante Luca Colombari, proprio su indicazione del rapinatore più giovane, crollato sotto le pressanti domande degli investigatori.

L’81enne, titolare di una ferramenta a Morciano, ricoverata da sabato in Rianimazione all’ospedale Infermi, questa mattina è stata sottoposta a un nuovo, delicato intervento. A seguito della subamputazione della gamba sinistra, i medici hanno tentato il ricongiungimento dell’arto inferiore. Le condizioni della donna restano molto critiche, la prognosi riservata.