Indietro
menu
Polemiche sanitarie

Nomine Ausl. I sindaci "non allineati": la sanità non ha marchi politici

In foto: la sede Ausl a Rimini
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 28 giu 2020 08:13 ~ ultimo agg. 08:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I sindaci di nove comuni riminesi stigmatizzano la lettera aperta trasmessa venerdì dai loro colleghi (vedi notizia) che dopo la nomina di Tiziano Carradori a nuovo direttore generale sottolineavano la necessità di non fare passi indietro sul tema area vasta. Un “teatrino” su una nomina fatta nelle segrete stanze dal partito “padre padrone” che evita qualsiasi condivisione, scrivono. Tra chi non ha firmato nessun intervento, il sindaco di Riccione Renata Tosi.


La riflessione dei sindaci “Non allineati”

Assistiamo basiti al teatrino che si sta consumando sulla Sanità in queste ore utilizzando e strumentalizzando i mezzi di comunicazione.

La lettera indirizzata al nuovo direttore Generale dell’AUSL Romagna Area Vasta, il dott. Carradori è a dir poco paradossale. La nomina del Direttore Generale è avvenuta ovviamente nelle segrete stanze del partito che si ritiene padre e padrone della Romagna, senza la condivisone che secondo la buona prassi consolidata negli anni precedenti prevedeva almeno una presentazione del nominativo in CSST (Conferenza Socio Sanitaria Territoriale).

Tutti noi Sindaci, ritenuti non “allineati”, siamo stati esclusi da qualsiasi discussione e ancora più incredibilmente anche da questa messa in scena della lettera aperta: in nessun distretto o consesso di Sindaci si è mai discusso o alcuno di noi ha mai avanzato polemiche strumentali o volontà di mettere in crisi l’attuale assetto sanitario territoriale della Azienda USL.

Particolarmente in questo periodo di emergenza COVID noi Sindaci, non mono partito, abbiamo dimostrato grande senso di responsabilità e attestato capacità e disponibilità alla coesione territoriale nella tutela delle nostre collettività senza mai farne questioni di campanili. Rigettiamo quindi fortemente questa manovra atta a colonizzare e marchiare politicamente la sanità, ritenendo che la salute e i servizi per i cittadini non debbano avere un colore o peggio ancora una discriminazione in base all’appartenenza politica.

Al nuovo direttore Carradori formuliamo gli auguri per un buono e proficuo lavoro a servizio delle nostre comunità assicurandogli che troverà in noi Sindaci interlocutori seri e franchi a differenza di chi tesse nelle segrete stanze e scuse sulla stampa…

Il Sindaco di Bellaria Igea Marina

Il Sindaco di Casteldelci

Il Sindaco di Coriano

Il Sindaco di Mondaino

Il Sindaco di Montefiore Conca

Il Sindaco di Morciano di Romagna

Il Sindaco di Novafeltria

Il Sindaco di San Leo

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Redazione