Indietro
menu
Agricoltura Ambiente

Il vino pregiato della Sabina Laziale

di Francesca Magnoni   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 15 mag 2020 10:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

DOVE CI PORTA NEW FARMERS

Con la decima puntata affrontiamo il tema dell’agricoltura in rosa, che sta segnando un progressivo livellamento delle differenze di genere: sono proprio le donne che trainano l’aumento dell’occupazione in misura maggiore rispetto agli uomini con importanti ruoli anche nella conduzione aziendale (le donne rappresentano il 31% dei titolari di imprese agricole individuali e il 35% di quelle a conduzione societaria).

Per approfondire l’argomento visitiamo il comune di Poggio Mirteto dove incontriamo Gabriella Fiorelli, 65 anni, che conduce Tenuta Santa Lucia, estesa su 45 ettari di terreno vitato nella sua piccola azienda familiare. Gabriella ha contribuito a rilanciare la produzione vinicola nella Sabina Laziale portando nuovamente la viticoltura accanto alla tradizionale olivicoltura: negli anni 70 infatti, fresca di laurea in giurisprudenza, insieme al marito Mario acquista 20 ettari in quella che ai tempi era una terra incolta e circondata solo da ulivi, e che oggi si presenta come un lembo di territorio immerso tra verdi colline coperte da rigogliosi vigneti, rivelatisi ottimi per la produzione di varie tipologie di vino di qualità: Sangiovese, Montepulciano, Cabernet, Alicante, Carignano, Falanghina, Sauvignon e Malvasia e Syrac.

UN ESEMPIO VIRTUOSO DI VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO

Ci spostiamo poi nella vicina Rieti per conoscere le iniziative di Campagna Sabina, una cooperativa in rosa che contribuisce a rilanciare i prodotti locali, proprio come quelli di Gabriella, aiutando i piccoli produttori in tutte le fasi della promozione e della commercializzazione.  La cooperativa sociale è nata proprio per sviluppare progetti legati all’agricoltura e aggregare e coinvolgere piccoli produttori locali. Per questo i soci hanno creato “Le Tre Porte cibo-turismo-cultura”, uno spazio enogastronomico, turistico, culturale e polifunzionale nel centro storico della città.

Il luogo è nato grazie ad un progetto di riconversione e riqualificazione di un vecchio edificio, ex cereria, di 600 mq disposto su due piani che ora opsita un  bar, lo store per la vendita e l’osteria con spazio bambini, tutti a base di prodotti agricoli delle aziende eccellenti della provincia di Rieti. Si organizzano anche iniziative culturali, gastronomiche, educative per promuovere il territorio e mettere in connessione le migliori energie locali.

LA PUNTATA DI NEW FARMERS

Notizie correlate
di Redazione   
di Lucia Renati   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna