Indietro
menu
firmato protocollo

Accordo Cei-Governo. Messe da lunedì 18 maggio

In foto: dal sito della CEI
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 7 mag 2020 13:59 ~ ultimo agg. 8 mag 11:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

È stato firmato a Palazzo Chigi il Protocollo che permetterà la ripresa delle celebrazioni con fedeli.

Il Protocollo – firmato dal Presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese – entrerà in vigore da lunedì 18 maggio.

Il Protocollo – si legge sul sito della CEI – indica alcune misure da ottemperare con cura. In ogni chiesa dovrà essere individuata la capienza massima, tenendo conto delle distanze di sicurezza, almeno un metro laterale e frontale. Saranno dei volontari a regolare l’accesso in chiesa (entrata e uscita meglio se differenziati), dove si potrà accedere solo dotati di mascherina. Dove è prevista una partecipazione con numeri superiori al consentito si ipotizzino più celebrazioni. Grande rigore dovrà essere tenuto per l’igiene degli oggetti liturgici e i luoghi di culto, che dovranno essere igienizzati al termine di ogni messa. Le acquasantiere resteranno vuote. Sarà possibile la presenza di un organista ma non del coro, non ci si potrà scambiare la pace e per la distribuzione della comunione i celebranti e i ministri dovranno indossare mascherine, guanti per non entrare in contatto con le mani dei fedeli. Niente libretti dei canti e foglietti sulle panche. Le offerte saranno raccolte in contenitori agli ingressi. Tutte le indicazioni valgono anche per battesimi, matrimoni e funerali.

E’ possibile anche prevedere celebrazioni all’aperto. Resta comunque la dispensa dal precetto festivo per motivi di età e salute e si invita a favorire messe in streaming.

Il sacramento della Penitenza – si legge ancora – sia amministrato in luoghi ampi e areati.

E’ frutto di una profonda collaborazione e sinergia fra il Governo, il Comitato Tecnico-Scientifico e la CEI, dove ciascuno ha fatto la propria parte con responsabilità”, ha evidenziato il Cardinale Bassetti, ribadendo l’impegno della Chiesa a contribuire al superamento della crisi in atto.

Le misure di sicurezza previste nel testo – ha sottolineato il Presidente Conteesprimono i contenuti e le modalità più idonee per assicurare che la ripresa delle celebrazioni liturgiche con il popolo avvenga nella maniera più sicura. Ringrazio la CEI per il sostegno morale e materiale che sta dando all’intera collettività nazionale in questo momento difficile per il Paese”.

Fin dall’inizio abbiamo lavorato per giungere a questo Protocollo – ha concluso il Ministro Lamorgese -: il lavoro fatto insieme ha dato un ottimo risultato. Analogo impegno abbiamo assunto anche con le altre Confessioni religiose”.

Il protocollo

 

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO
di Andrea Polazzi