Indietro
menu
Col calo, costi insostenibili

Sospeso lo Shuttle per l'aeroporto di Bologna

In foto: lo Shuttle (repertorio)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 11 mar 2020 14:01 ~ ultimo agg. 14:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Shuttle Italy Airportsospende da sabato 14 marzo a domenica 5 aprile, le sue 8 corse quotidiane di collegamento da e per Rimini, Romagna, Pesaro, Urbino e l’aeroporto “Guglielmo Marconi di Bologna”. Con il calo di questo momento, spiegano i gestori del servizio, il servizio è economicamente insostenibile. Chi ha già acquistato il bibglietto potrà essere rimborsato.


Il crollo del volume di traffico delle ultime settimane registrato (pari all’80% rispetto ai dati registrati in questo periodo nel 2019), pur nella consapevolezza del ruolo essenziale nei confronti della collettività dei servizi di trasporto per persone – anche se svolti da operatore privato – rende di fatto insostenibili i costi del servizio.

Infatti il deficit tra mancati introiti, cancellazioni di voli aerei, viaggi e prenotazioni, mettono a rischio la tenuta lavorativa, occupazionale e economica dell’impresa. La misura della sospensione fino a tutto il prossimo 5 aprile, rappresenta quindi una misura necessaria alla tutela del futuro dell’azienda, dei suoi operatori e collaboratori.

Quanto sta accadendo, avviene all’indomani dell’apertura della stagione estiva, periodo nel quale tutte le attività non stagionali legate al turismo producono più del 60% del loro fatturato annuo. Ricorda, inoltre, come il 45% dei passeggeri trasportati dallo shuttle siano turisti leisure o business in arrivo dall’estero e come oggi questa percentuale è ridotta a 0.  Sarà ovviamente garantito, nelle forme previste dalla legge, previa segnalazione da parte degli interessati, il rimborso degli utenti che avevano acquistato il biglietto nelle date previste dalla sospensione. 

“Il nostro lavoro è trasportare viaggiatori. Importiamo e esportiamo persone tra Romagna, Riviera e aeroporti. Oggi questo flusso di passeggeri non esiste. Annullamento viaggi e gite scolastiche, disdette tour operator, riduzione e cancellazioni di voli per l’Italia, annullamento, fiere, eventi, manifestazioni, hanno creato un blocco del cash flow immediato, inaspettato, che fa saltare piano aziendali e programmazione economica – spiega Roberto Benedettini, amministratore unico Vip Srl, società di gestione delle linee “Shuttle Italy Airport” – Senza interventi immediati da parte dello Stato, la nostra azienda così come le altre imprese di questo comparto, rischiano la loro tenuta economica e occupazionale: in tempi molto brevi”.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
VIDEO