Indietro
menu
Dentro al Consumo

Sospensione rate mutuo e cartelle esattoriali: chiarimenti sul Cura Italia

In foto: repertorio
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 26 mar 2020 11:55 ~ ultimo agg. 15:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nel nuovo appuntamento con “Dentro al Consumo – percorsi per un consumatore consapevole” (ogni giovedì alle 10.05 su Radio Icaro e Icaro Tv) obiettivo puntato sul decreto Cura Italia. Gli avvocati Enrico Moretti e Stefania Urbinati della Federconsumatori Rimini hanno spiegato le novità in merito a mutui, microcredito e cartelle esattoriali nel pieno dell’emergenza covid-19.

Tra le altre cose, si amplia a liberi professionisti e lavoratori autonomi la platea di chi può accedere al fondo di solidarietà per la sospensione delle rate del mutuo e vengono sospesi i termini di versamento di tutte le entrate tributarie e non derivanti da cartelle esattoriali in scadenza tra l’8 marzo e il 31 maggio.

. Tutti i dettagli nella puntata:

Può presentare domanda di accesso ai benefici del Fondo il proprietario di un immobile adibito ad abitazione principale, titolare di un mutuo contratto per l’acquisto dello stesso immobile di importo non superiore a 250mila euro. Il requisito reddituale di un ISEE inferiore a 30mila euro è stato eliminato per i prossimi nove mesi. Il mutuo deve, inoltre, essere in ammortamento da almeno un anno al momento della presentazione della domanda. Ed è ammissibile anche il titolare del contratto di mutuo già in ritardo nel pagamento, purché questo non superi i 90 giorni consecutivi.

Il Cura Italia inoltre ha esteso la misura anche a chi abbia avuto una sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno trenta giorni, anche in attesa dell’emanazione dei provvedimenti di autorizzazione dei trattamenti di sostegno del reddito.

Notizie correlate
di Redazione   
di Andrea Polazzi