Indietro
menu
la denuncia

Educatori senza stipendio. Presidio davanti alla Regione

In foto: un delle foto pubblicate
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 1 mar 2020 15:48 ~ ultimo agg. 15:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ogni giorno di scuola perso per l’emergenza coronavirus è un giorno in meno di stipendio. A denunciare la situazione sono gli educatori che operano nei progetti di sostegno nelle scuole riminesi e lo fanno con una serie di fotografie che li ritraggono con un foglio in mano dove spiegano cosa sta accadendo e chiedono che il salario non sia decurtato.

Sono migliaia – spiegano – le educatrici e gli educatori che, nelle Regioni interessate, rischiano di non vedersi riconosciute le ore di servizio e di conseguenza di restare senza stipendio.
Ma dalla Provincia di Rimini così come da tante altre città, gli educatori e le educatrici non solo si organizzano sindacalmente per chiedere che venga loro riconosciuto lo stipendio, ma organizzano anche un presidio“. 

Adl Cobas organizza un presidio davanti alla sede delle regione a Bologna martedì 3 marzo alle 10 dal titolo “Noi l’emergenza coronavirus non la paghiamo”. Da Rimini partirà un pullman,  alle 8 da Casa Madiba Network.

Notizie correlate
di Redazione