Indietro
menu
Legati al ristorante

Coronavirus. Due nuovi casi positivi a Rimini

In foto: l'assessore Venturi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 26 feb 2020 17:55 ~ ultimo agg. 27 feb 12:20
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono due i nuovi casi di positività al coronavirus registrati nel territorio di Rimini, che portano così il totale a tre. Il primo è un dipendente del ristorante di San Clemente, residente a Cattolica, di 48 anni, mentre il secondo è un riminese di 56 anni, che si è recato nel locale, amico e avventore del ristoratore 71enne cattolichino, che resta stazionario all’ospedale Infermi. Uno dei due è sintomatico e ricoverato agli Infettivi a Rimini, l’altro al momento non ha sintomi ed è in isolamento nel proprio domicilio. Si resta in attesa degli altri 13 tamponi. Sono al momento oltre 40 le persone in isolamento volontario perché collegate al caso iniziale.

L’assessore regionale Sergio Venturi, nella ormai consueta conferenza pomeridiana, ha parlato di una possibile relazione con Codogno e Padova: persone di quelle zone, infatti, sarebbero state nel ristorante. “Dobbiamo dimostrare che quelli del basso lodigiano o del padovano abbiano preso la malattia, altrimenti non vuole dire niente”, ha specificato Venturi. Che poi ha aggiunto: “Non ci sono elementi per creare nuove zone rosse”. Sono 47 i casi in Emilia Romagna, 21 in più di ieri (un aumento legato anche all’alto numero di tamponi elaborati nelle ultime ore, ha spiegato l’assessore).

La conferenza di Sergio Venturi:

Pubblicato da Regione Emilia-Romagna su Mercoledì 26 febbraio 2020

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
VIDEO
di Redazione   
di Maurizio Ceccarini