Indietro
menu
Il debito si riduce

Mutuo Rimini Congressi: Unicredit svincola soci pubblici

In foto: il Palas di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 27 dic 2019 12:44 ~ ultimo agg. 19:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’avanzamanto del percorso di risanamento del debito ha permesso a Rimini Congressi, la holding di proprietà pubblica che controlla il sistema fieristico congressuale riminese, di raggiungere oltre il 66% di estinzione, passando da 46,5 a 15 milioni. Una situazione che consente ai soci pubblici di Rimini Congressi (Comune di Rimini – Rimini Holding, Provincia di Rimini, Camera di Commercio) di svincolarsi dagli impegni sottoscritti meno di dieci anni fa a garanzia del debito contratto per la realizzazione del nuovo Palacongressi di Rimini. Unicredit ha comunicato alla Holding di essere libera dai vincoli sottoscritti alla luce della positiva evoluzione delle condizioni economiche della società di cui il Comune di Rimini detiene attraverso la holding il 35,58% del capitale sociale. L’evoluzione – spiega l’Amministrazione Comunale di Rimini – è determinata dall’accordo transattivo stipulato l’anno scorso con l’impresa costruttrice del nuovo Palacongressi di Rimini, ma soprattutto dal collocamento in Borsa dei titoli di Italian Exhibition Group, che ha consentito una forte e ulteriore estinzione del debito progresso.

Il 22 giugno 2010 Rimini Congressi sottoscrisse un mutuo con Unicredit di 46,5 milioni. Per agevolare la concessione del finanziamento gli enti pubblici – Comune di Rimini, Provincia di Rimini e Camera di Commercio di Rimini – si impegnarono attraverso una lettera di patronage a mantenere una partecipazione ciascuna del 33,33% del capitale sociale dell’impresa, e ad intervenire con gli apporti di capitale riversando gli utili derivanti dalla partecipazione di Rimini Fiera nelle casse di Rimini Congressi.

Rimini Holding e gli altri soci, alla luce dell’estinzione del debito oggi pari ad un terzo di quello di partenza, hanno chiesto quindi di essere svincolati dagli impegni assunti con la lettera di patronage. Una richiesta che Unicredit, lo scorso 23 dicembre, ha accordato. Il programma di estinzione del debito di Rimini Congressi prevede che i 15 milioni residui del mutuo Unicredit saranno onorati così come negli anni passati dai dividendi di Ieg.

“Si tratta di un’ottima notizia sotto due aspetti – sottolinea l’assessore alle Partecipate del Comune di Rimini Gian Luca BrasiniIn primis perché conferma lo stato di salute di Rimini Congressi e dell’avanzamento del percorso di risanamento del debito, che passa da 46,5 milioni di euro a 15, senza alcun finanziamento statale o comunitario a fondo perduto, ma solo grazie alle performance societarie e al supporto dei soci pubblici. Il secondo effetto positivo riguarda direttamente il Comune, che svincolato dagli obblighi derivanti dalla lettera di patronage, riduce in maniera consistente il rischio di intervento diretto a finanziamento della società. Questo ulteriore elemento di prospettiva positiva riguardo al nostro sistema fieristico congressuale ci permette inoltre di valorizzare ancor più la prevista operazione di aggregazione tra Rimini Congressi e Società del Palazzo”.

 

Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna