sabato 7 dicembre 2019
menu
il mistero del cadavere nel fosso

Estradato in Italia lo stalliere accusato di traffico di essere umani

In foto: il pakistano Ali Irfan all'arrivo in caserma - Adriapress
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 3 dic 2019 13:56 ~ ultimo agg. 4 dic 12:18
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email
E’ rientrato oggi (martedì) in Italia scortato dallo SCIP (Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Criminalpol) Ali Irfan, il 33enne pakistano arrestato in Grecia il 30 ottobre scorso e destinatario di un mandato d’arresto europeo con ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Rimini. Il provvedimento cautelare, emesso nei confronti del cittadino pakistano, è scaturito al termine di una complessa attività d’indagine, condotta anche mediante l’ausilio di intercettazioni telefoniche ed ambientali dai carabinieri della Compagnia di Riccione a seguito del ritrovamento di un cadavere in avanzato stato di decomposizione all’interno dal canale di raccolta delle acque piovane in località Montalbano, frazione di San Giovanni in Marignano, il 7 settembre 2018 (vedi notizia).
La latitanza all’estero è stata fermata dalla polizia sulla base delle indagini e dei riscontri effettuati dall’Arma di Riccione e coadiuvata nella penisola balcanica dalla Seconda Divisione Interpol dello SCIP e dall’Ufficio dell’Esperto per la Sicurezza di stanza ad Atene. Una volta atterrato a Fiumicino ed espletate le formalità di rito negli uffici della polizia di Frontiera Aerea, nel pomeriggio Irfan è stato prima condotto nella caserma di Riccione e poi trasferito in carcere. Nei prossimi giorni verrà interrogato alla presenza di un interprete dal pubblico ministero.
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna