lunedì 19 agosto 2019
menu
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti Visualizzazioni 2.399 visite
gio 18 lug 2019 14:45 ~ ultimo agg. 14:51
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 2.399
Print Friendly, PDF & Email

Una cena, un compleanno, un battesimo, ma anche una festa fai da te. Il desiderio di organizzare spesso si scontra con la carenza in casa di stoviglie per numeri importanti e porta alla scelta di ricorrere all’usa e getta. Da oggi c’è una nuova possibilità: la stoviglioteca, nata a Santarcengelo. Dà la possibilità di prendere in prestito piatti, bicchieri e tutto quello che serve, per poi restituirlo. Proprio come funziona per i libri della biblioteca, il set completo si richiede, si utilizza e si restituisce.

Ispirata da un’idea della giornalista faentina Linda Maggiori, autrice del libro Impatto zero, l’associazione di promozione sociale Fermenta si è attrezzata e ora mette a disposizione di chiunque condivida l’urgenza di ridurre lo spreco della plastica usa e getta cominciando dai piccoli gesti quotidiani. Il kit di stoviglie è già disponibile al prestito e comprende piatti, bicchieri e posate in plastica dura (certificati senza bisfenolo), più alcuni boccioni in vetro.

Prima ancora di essere pubblicizzata l’iniziativa è già stata sperimentata con soddisfazione da alcune famiglie di Santarcangelo. Le stesse fondatrici dell’Associazione l’hanno testata: “La stoviglioteca è nata dalla volontà di rendere più sostenibili i vari festeggiamenti dei nostri figli. Compleanni, battesimi, cene di classe, ma anche cene tra amici, le occasioni possono essere davvero tante. Abbiamo così deciso di autotassarci per acquistare un set di stoviglie riutilizzabili da scambiarci. E ora siamo pronte a condividere questa esperienza, mettendola a disposizione di tutti. Chiediamo solo di trattare il materiale con cura e di restituirlo pulito. Pensiamo possa essere una bella proposta per sensibilizzare e incentivare le famiglie al riuso e al rispetto dell’ambiente, consentendo in più un risparmio oggettivo non indifferente”.

Al momento la stoviglioteca di Fermenta conta 60 coperti, ma in futuro questi numeri potrebbero anche aumentare grazie ai fruitori che sceglieranno di lasciare un contributo, previsto solo come libero e volontario. Al proposito l’Associazione ha anche stilato un semplice regolamento, da prendere in visione al momento della consegna del materiale.

Fermenta invita quanti utilizzeranno la stoviglioteca per i momenti di festa ad avere anche un’attenzione ecologica a tutta l’organizzazione, per esempio facendo raccolta differenziata, consumando acqua pubblica e altro materiale compostabile o riusabile.

Per informazioni e prenotazioni si possono contattare le due volontarie che si occupano del progetto per l’Associazione, Alessia (338.5489900) oppure Eva (339.4680798).

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
di Icaro Sport   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna