martedì 19 novembre 2019
menu
centro di prima accoglienza

Aiuto alla povertà. Per Casa don Gallo convenzione triennale

In foto: una manifestazione per Casa don Gallo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 4 giu 2019 12:29 ~ ultimo agg. 10 giu 17:13
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Per Casa don Gallo di Rimini arriva una convenzione che permetterà all’Organizzazione di Volontariato Rumori Sinistri onlus per la realizzazione, in pieno legalità, del progetto, rientrante nel Piano povertà, del  centro a bassa soglia di via De Warthema. Dopo tante battaglie e manifestazioni per la casa arriva un riconoscimento ufficiale. La convenzione avrà una durata triennale.

Cosa prevede la convenzione

I locali verranno concessi in uso, alla conclusione dei lavori di ristrutturazione. L’associazione si impegna ad utilizzare l’immobile nel rispetto e salvaguardia della suadestinazione d’uso legata alla realizzazione del progetto avendo cura di conservarne lo stato in cui viene ricevuto.

Nessun intervento di manutenzione ordinaria e straordinaria potrà essere effettuato senza il preventivo assenso del Comune di Rimini. Entro e non oltre la scadenza del progetto e della convenzione, prevista per il 31.12.2021, l’associazione si è impegnata a consegnerà l’immobile al Comune di Rimini libero da persone e cose. In caso di utilizzo non corretto il Comune, previa diffida, avrà la facoltà di risolvere la convenzione. Un progetto che vedrà dunque l’Amministrazione agire in collaborazione ed in co – progettazione con soggetti del terzo settore per l’allestimento, progettazione, realizzazione e  gestione del Centro di accoglienza a bassa soglia di Via De Warthema, tenendo conto delle “Linee di indirizzo per il contrasto alla grave emarginazione adulta in Italia”. Il centro si aggiunge ai due centri già presenti alla Capanna di Betlemme e alla Caritas.

Le principali attività previste dalla convenzione:

gestione del Centro di prima accoglienza per senza fissa dimora. Questa azione si sviluppa in una serie di azioni diversificate che tengono conto di tutti gli aspetti legati alla quotidianità della vita in comune nella casa;

accoglienza notturna di 37 persone all’interno della casa; per situazioni di emergenza legate a particolari condizioni climatiche, a cui si aggiungerebbero 3 posti in un’area dedicata. I tre mesi iniziali di accoglienza, osservazione ed inclusione serviranno alla costruzione di un progetto individualizzato;

attivazione percorsi di inclusione sociale e di capacitazione individuale e di gruppo;

– coinvolgimento degli e delle abitanti nelle piccole attività quotidiane per la

gestione del centro con il supporto delle operatrici e di volontari;

  • promozione delle relazioni esterne alla struttura in collaborazione con i servizi territoriali;
  • l’ascolto, l’informazione, l’orientamento e l’accompagnamento ai servizi già strutturati;

 Sono previsti monitoraggi, almeno di carattere semestrale per la verifica dello stato di avanzamento del progetto e la verifica del raggiungimento dei risultati attesi.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna