domenica 16 dicembre 2018
di Redazione   
lettura: 1 minuto 1.556 visite
mer 5 dic 2018 20:32 ~ ultimo agg. 7 dic 19:13
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 1.556
Print Friendly, PDF & Email

Un pomeriggio emozionante quello che si è vissuto oggi all’istituto Leon Battista Alberti, dove la preside Alberta Fabbri ha consegnato il diploma di maturità di Marco Simoncelli, al padre Paolo. L’Aula Magna che l’istituto ha deciso di dedicare proprio a Marco, era gremita: ex alunni e piloti (Enea Bastianini, Manuel Poggiali, Marco Bezzecchi, Matteo Ferrari, tra i tanti), professori e amici di Marco, erano tutti lì per lui, per il Sic. L’amore nei confronti del campione romagnolo non si è mai affievolito nel corso degli anni. Anzi, se possibile, si è ancor più rafforzato e la cerimonia di oggi ne è stata l’ennesima prova.

 

Il momento più toccante, senza dubbio, si è avuto al momento della consegna del diploma. Papà Paolo, che ha ricevuto il tanto desiderato “pezzo di carta” dall’allora preside Giovanni Paolo Rossetti (“Da quando è successo quel fatto guardo le gare con un altro spirito”), non è riuscito a trattenere le lacrime. Con gli occhi lucidi ha ricordato la promessa fatta dal figlio a lui e a mamma Rossella (“Io prendo buoni voti a scuola e nel frattempo continuo ad andare in moto”) e la passione che Marco metteva in tutto quello che faceva. Del resto, diplomarsi con 81/100 da privatista, per un un ragazzo sempre in giro per il mondo, mica è impresa da tutti. Significa che Marco si preparava e studiava, seppur nei pochi ritagli di tempo a disposizione, come ha confermato l’ex preside Rossetti… Insomma, il Sic ci teneva ad onorare la promessa fatta a mamma e a papà. Che al momento della firma per il ritiro del diploma non è riuscito a trattenere l’emozione. Perché a 7 anni di distanza dalla sua scomparsa, Marco continua a toccare il cuore di tutti.

Altre notizie
Vittoria del Tropical.

Tropical Coriano-Russi 2-1

di Icaro Sport
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna