Indietro
menu
L'intervento della maggioranza

La maggioranza alla minoranza: tornino a lavorare per il bene di Riccione

In foto: Fabrizio Pullè, capogruppo Noi Riccionesi
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 21 dic 2018 18:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.303
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Questo è il momento della serietà e non delle polemiche infondate, la minoranza torni a lavorare nell’interesse della città e non del suo piccolo orticello. A scriverlo sono i gruppi consigliari di maggioranza a Riccione dopo l’uscita dall’aula giovedì sera dei consiglieri di Pd, M5S e Patto Civico durante la votazione della delibera sulle linee di indirizzo per le manifestazioni di interesse. (vedi notizia)

La nota stampa dei gruppo di maggioranza

Gli esponenti delle minoranze presenti ieri sera in Consiglio Comunale hanno incrociato le braccia.
Si sono alzati e se ne sono andati.
E i loro scranni sono rimasti, desolatamente, vuoti.
Si sono ritirati “sull’Aventino”.
E così, mentre tutta la città vive le manifestazioni di interesse sulla rigenerazione urbana come una occasione unica di rinascita, e mentre si respira palpabile e fortissima l’aspettativa di vedere riqualificate da parte dei privati ampie zone di città, il partito “PattoPiddoGrillino”, trovatosi costretto in un angolo, e non potendo nel merito schierarsi “contro” un provvedimento che può portare una valanga di investimenti privati sulla città, ha ben pensato di “uscire”.
Di protestare per “non avere avuto il tempo” di studiare.
“Troppi documenti da studiare!”, hanno dichiarato. In troppo poco tempo.
E, così argomentando, hanno disertato prima le commissioni consiliari appositamente dedicate, con la presenza di tutti i tecnici comunali, per valutare la delibera, poi anche il Consiglio Comunale.
Prendendo la scusa del “poco tempo a disposizione”, se ne sono andati.

Questo è però il momento della serieta’.
Non è corretto farci trascinare in polemiche infondate.
Invece che passare il tempo a scrivere lettere di protesta “urbi et orbi”, piene di tecnicismi ma vuote di contenuti nel merito (e, ancora prima, di idee di merito…),
tornino a lavorare nell’interesse della città e lascino la difesa del Loro piccolo orticello.
Questo è il momento di impegnarci tutti assieme per vivere appieno questa grande opportunità.
Noi ci siamo.
Siamo nelle Commissioni;
siamo in Consiglio Comunale.
Ci mettiamo la faccia, e rimaniamo a disposizione della città.
Nonostante questa pagina non troppo edificante, saremo sempre qui ad attenderli, nelle commissioni prima ed in Consiglio Comunale poi, per ragionare e discutere sulla città, nel merito dei problemi, nei rispettivi ruoli di maggioranza e minoranza.