mercoledì 19 dicembre 2018
In foto: repertorio
di Redazione   
lettura: 1 minuto
ven 7 dic 2018 17:47
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il Tribunale di Rimini ha condannato a quattro mesi di reclusione un giornalista di Circo.it per aver diffamato la Lav (Lega anti vivisezione).  L’associazione animalista era stata accusata in due articoli pubblicati nel 2010 di fare “un bel business incassando dei bei soldoni” per gli animali sequestrati per maltrattamenti.

“Il giornalista autore degli articoli – afferma la Lav – non tenne nemmeno conto di chiare ed esaustive risposte ufficiali a pretestuose interrogazioni parlamentari presentate da un senatore ora non più in carica”. Per il presidente dell’associazione Gianluca Felicetti “gli animali sequestrati in tutta Italia e dati, dall’Autorità giudiziaria, in affidamento alla Lav – come ha preso atto anche il Tribunale con tanto di copiosa e incontestabile documentazione – sono in carico esclusivamente alla generosità dei sostenitori della nostra Associazione: nessun euro è mai stato infatti versato dal Ministero della Salute per le sanzioni pecuniarie previste dalla Legge 189 del 2004, facendo peraltro risparmiare lo Stato sulle dovute spese di giustizia”.

“È stato infine disposto il rinvio in sede civile della quantificazione dei danni alla Lav – conclude Felicetti – i cui proventi investiremo, ovviamente, in attività di cura e custodia degli animali sequestrati nei circhi e per l’attuazione della Legge delega, che dispone il prossimo graduale superamento dell’uso degli animali negli spettacoli viaggianti”.

Notizie correlate
di Icaro Sport
di Icaro Sport
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna