Indietro
menu
Il centro Hera a Santarcangelo

Il centro raccolta di via Scalone si ristruttura

In foto: l'ingresso del centro
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 12 dic 2018 17:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una consistente ristrutturazione nei prossimi mesi interesserà l’impianto di via Scalone a Santarcangelo dove ha sede il Centro di raccolta differenziata. La Giunta comunale ha infatti approvato nei giorni scorsi il progetto definitivo ed esecutivo predisposto da Hera Direzione Servizi Ambientali per l’adeguamento dell’impianto sia dal punto di vista normativo che strutturale per rispondere ai crescenti conferimenti di materiali differenziati.

I lavori, il cui costo complessivo è di 414.824 euro interamente sostenuto da Hera, riguardano il nuovo box prefabbricato utilizzato come ufficio con spogliatoio e servizi igienici, la nuova tettoia metallica per il deposito e lo stoccaggio temporaneo di Raee/Rup in sostituzione delle strutture esistenti. Saranno inoltre create aree di deposito a terra costituite da piazzale industriale in calcestruzzo delimitate almeno su tre lati da new jersey di 1,70 metri di altezza e una piazzola con pavimentazione industriale per il posizionamento di cassoni scarrabili. Il progetto comprende anche l’installazione, con realizzazione della relativa fondazione, di una pesa a ponte di 6 metri per 3 dotata di sbarra azionabile dal box-ufficio per la pesatura diretta dei veicoli prima e dopo lo scarico. È inoltre previsto l’adeguamento dell’impianto fognario tramite vasca conforme alle normative per consentire stoccaggi a terra in appositi stalli sul piazzale con un aumento significativo della capacità di ricezione di rifiuti vegetali, legno ed inerti.

Altri interventi riguardano il rifacimento della pavimentazione asfaltata dell’area e della segnaletica per adeguarle al nuovo assetto del Centro di raccolta, l’adeguamento dell’impianto elettrico che comprende anche la realizzazione dell’illuminazione di emergenza, la rete antincendio in conformità alle aumentate capacità di raccolta del Centro e l’installazione di una doccia lava-occhi di emergenza.

È infine prevista la demolizione della serra esistente e il ripristino della soletta sottostante oltre alla separazione fisica di tale area dal Centro di raccolta differenziata. L’intento dell’Amministrazione comunale è di utilizzare tale spazio come area del riuso o altra attività similare.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini   
di Lucia Renati   
VIDEO