sabato 15 dicembre 2018
In foto: foto di gruppo
di Redazione   
lettura: 1 minuto
ven 31 ago 2018 19:35 ~ ultimo agg. 19:36
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 291
Print Friendly, PDF & Email

Oltre 100 persone hanno festeggiato giovedì sera presso gli spazi di via Isotta la conclusione di “Stranieri contro la zanzara tigre”, attività  informativa di diffusione delle buone pratiche di prevenzione e di contrasto ai focolai di zanzara tigre fatta dai ragazzi rifugiati e richiedenti asilo inclusi nel progetto SPRAR.
Il progetto dedicato all’informazione, dell’accoglienza e dell’inclusione, è iniziato lo scorso 11 giugno grazie all’impegno dei ragazzi coinvolti nei progetti sociali.

Icaro Tv. "Stranieri contro la zanzara tigre", l'evento conclusivo

L’iniziativa,  che ha coinvolto cinque ragazzi profughi del progetto SPRAR,  affiancati da altri cinque ragazzi italiani provenienti da contesti differenti, ha previsto un periodo di attività informativa sulle buone pratiche di prevenzione e di contrasto ai focolai di zanzara tigre.  Un percorso iniziato prima con la formazione, sia per la lingua italiana che per la parte scientifica e poi con la vera attività informativa di contatto, porta a porta, con i residenti.
“Un progetto – sottolinea il Vicesindaco Gloria Lisi – che ha avuto un duplice obiettivo, cioè quello sanitario, per informare i cittadini delle procedure di prevenzione e quello educativo finalizzato all’integrazione.  Una sfida che ha avuto un esito molto positivo. La dimostrazione di come il contatto quotidiano e l’ opportunità di conoscersi sulle cose siano i migliori deterrenti per abbattere i muri dei preconcetti”
Alla festa erano presenti il Vescovo e numerosi rappresentanti di associazioni che hanno aderito all’iniziativa.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna