venerdì 23 agosto 2019
menu
Rimini Rimini Social

In Senegal con Doolel

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 18 mag 2018 18:57 ~ ultimo agg. 21 mag 09:58
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

E’ in corso questa settimana la prima missione del Progetto Doolel: Migrazioni e Co-Sviluppo, Coltivando Social Business in Senegal tra Dakar e le regioni del Kaffrine e del Kaolack per condividere e pianificare le procedure e le prime azioni da mettere in campo con i partner istituzionali locali.

Obiettivo del piano, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, è quello di sostenere la promozione del tessuto produttivo locale del Senegal contrastando le cause profonde della migrazione, attraverso il miglioramento delle competenze e l’aumento dell’occupazione delle donne, dei giovani e dei soggetti vulnerabili.

La delegazione – costituita da Francesca Manzoni, Responsabile Attività Estero di EducAid, Annica Perini, Vicepresidente di CIM Centro Studi Cooperazione Internazionale e Migrazione di Forlì, e Seck Papa Modou, Presidente ANOLF Associazione Nazionale Oltre Le Frontiere di Rimini – ha già avuto riunioni operative con i responsabili della sede dell’AICS di Dakar, del Ministero della Gioventù, di ANOLF Dakar, delle Agenzie di Sviluppo Regionali e delle Camere di Commercio di Kaffrine e Kaolack.

L’aspetto innovativo del progetto è quello dell’approccio “inclusivo” che vede il coinvolgimento attivo delle istituzioni senegalesi in loco e della diaspora senegalese in Italia per il trasferimento di know how e di risorse di ritorno verso la patria di origine.

Il Senegal è, infatti, una nazione di forte emigrazione, con una delle principali comunità all’estero radicate proprio in Italia (oltre 98.000 unità nel 2015) e rientra nel gruppo dei Paesi meno avanzati al mondo, precisamente al 170° posto sui 188 censiti dal Rapporto sullo Sviluppo Umano 2015 dell’UNDP (United Nations Development Programme).

Complesso ed ambizioso, il Progetto Doolel conta sulla messa in rete di ben 17 partner di cui 9 italiani (Comune di Rimini – capofila, Comune di Pescara, Università di Modena e Reggio Emilia, Camera di Commercio della Romagna, ANOLF Rimini, CIM onlus, EducAid, ARCS, Associazione dei Senegalesi Emilia Romagna – Marche) e 8 locali (ANOLF Dakar, Associazione Dipartimenti del Senegal, Camera di Commercio di Kaffrine, Camera di Commercio di Kaolack, Agenzia di Sviluppo Regionale di Kaffrine, Agenzia di Sviluppo Regionale di Kaolack, Consiglio Dipartimentale di Kaolack, Ministero della Gioventù del Senegal).

Tra le attività previste, formazione professionale in ambiti e livelli diversi (da operatori di servizi pubblici ad esperti di microfinanza, da produttori/trici di coltivazioni ecosostenibili a tecnici agroalimentari), job-counseling, percorsi di orientamento al lavoro, corsi in gestione di impresa, contrattualistica del lavoro, social business, occupazione femminile ed inserimento lavorativo di persone con disabilità, anche attraverso l’assegnazione di borse lavoro.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Simona Mulazzani   
di Stefano Rossini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna