Indietro
menu
Attualità Rimini

Fellini: accordo con ItaliaBella. Si punta su Russia, Cina, Americhe e Nord Europa

In foto: L'aeroporto Federico Fellini
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 15 nov 2017 14:44 ~ ultimo agg. 14:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 1.714
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un tour operator che vuole portare fino a tre milioni di nuovi turisti esteri in Italia. Il nuovo soggetto si chiama “ItaliaBella” e ha sottoscritto un accordo con la società di gestione dell’aeroporto Fellini. Per valorizzare il bel paese, il nuovo player si propone non solo di aggregare l’offerta turistica italiana, ma anche di promuoverla e commercializzarla sui mercati esteri sia direttamente con i consumatori finali che indirettamente attraverso tour operator e agenzie di viaggio. I mercati su cui si punta sono Russia, Cina, Americhe e Nord Europa.

L’accordo commerciale e di marketing con AIRiminum 2014 prevede attività di co-marketing sui mercati sia domestici che internazionali per sviluppare nuovi flussi turistici verso il “Fellini”. “ItaliaBella” aprirà anche un punto di assistenza al passeggero, con proprio personale, all’interno dell’aeroporto di Rimini.

 “Si tratta di un progetto ambizioso – ha dichiarato Sandro Saccoccio, Direttore Generale di ItaliaBella – in cui dimostreremo di saper di valorizzare questo grande Paese e accompagnarlo all’altezza della sua fama, cercando di declinare il prodotto Italia in base alle esigenze dei singoli mercati. Puntiamo molto sulla Russia, Cina, Americhe e Nord Europa, che rappresenteranno i nostri mercati target.”

L’Amministratore Delegato di AIRiminum 2014 Leonardo Corbucci ha affermato che Con ItaliaBella continuiamo il nostro impegno verso la creazione di una piattaforma di soggetti diversi, convinti che solamente lavorando in squadra si possa arrivare ad un risultato: ancora una volta, noi ci siamo.”

Infine, Laura Fincato, Presidente di AIRiminum 2014, ha dichiarato: “In qualità di Presidente della società che gestisce uno scalo a forte vocazione turistica e che mira ad essere un riferimento per i collegamenti turistici dell’intera Area Centrale Adriatica, sono convinta che il sistema aeroportuale debba collaborare con tali tour operator europei dedicandosi alla ricerca di una nuova e differenziata domanda di turismo.”

Notizie correlate
La Giunta adotta il nuovo piano urbano

Mobilità sostenibile, ecco come cambia la città

di Redazione   
di Redazione   
VIDEO