Indietro
mercoledì 2 dicembre 2020
menu
Attualità Eventi

Summer Pride, attese migliaia di persone. Tonti: nessun timore, tutti sono invitati

In foto: la conferenza stampa di presentazione in comune
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 26 lug 2016 12:58 ~ ultimo agg. 27 lug 12:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.870
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

[kaltura-widget uiconfid=”30012024″ entryid=”0_9siprqpm” width=”400″ height=”250″ /]

C’è chi si è spinto a prevedere l’arrivo di 15mila persone, ma gli organizzatori ci vanno più cauti. Saranno comunque migliaia a partecipare alla Rimini Summer Pride, tre giorni di eventi che avranno il loro clou con il corteo di sabato da piazzale Kennedy con partenza alle 19.30, sfilata sul lungomare e arrivo alle 21 in piazzale Fellini. Patrocinato da comune di Rimini e Regione, l’appuntamento ha trovato anche il sostegno di molti operatori privati. Un’edizione zero, la definiscono gli organizzatori parlando di una festa di compleanno a cui tutti sono invitati.

“E’ il numero zero, l’inizio di un percorso – afferma il sindaco di Rimini Andrea Gnassi  –. La normalità, il diritto ad avere diritti: è questo il Summer Pride. Pride è l’orgoglio di tutti, Summer significa Rimini, estate, festa, emozioni. E’ l’orgoglio di fare una festa di tutti, colorata, plurale. Come città abbiamo già da tempo “naturalmente” avviato il percorso del registro delle unioni civili”.

“Rimini Summer Pride è una festa di compleanno dei diritti, a cui sono tutti invitati e benvenuti – sottolinea Marco Tonti, presidente Arcigay “Alan Turing” Rimini e del Comitato Rimini Summer Pride –. Come sempre a ogni compleanno si cresce e la direzione è ormai segnata, verso una società più aperta, libera, con diritti di parità completi e anche nominali, che contrasta l’omofobia con delle leggi. Summer Pride è una festa che guarda al futuro, non solo al presente, diffusa, comune. E solo con la collaborazione di tutti che si cambiano le cose per rendere la società più accogliente, più giusta per tutti”.

“La parola chiave della festa è naturalità – gli fa eco Mila Fumini, coordinatrice eventi culturali del comitato Rimini Summer Pride –: la città e l’amministrazione ci sono state vicine da subito, si sono aggregate forze che ci hanno dato una mano incredibile, tra i volontari amici, familiari, esercenti. Il 30 luglio sarà un momento di festa, l’inizio di un percorso che porterà a incontri nelle scuole, a una sportello indirizzato ai problemi adolescenziali e di chi ha bisogno”.

A vigilare sulla manifestazione di sabato, decine di agenti di polizia in borghese e non. Ci saranno anche metal detector per le perquisizioni e il lungomare resterà chiuso per svariati chilometri. L’obiettivo è evitare incidenti. Parallelamente alla Summer Pride, anche Forza Nuova ha annunciato una contromanifestazione. Gli organizzatori però si dicono tranquilli. “Nessun timore – dice Tonti – ma le giuste precauzioni. Se non c’è la paura, non c’è neanche il rischio”.

A margine un piccolo giallo. Il CSA Grotta Rossa fa sapere che l’incontro pubblico “Oltre i confini e i generi” in programma mercoledì alle 19 non si svolgerà più alla Biblioteca Gambalunga come annunciato ma presso lo stesso centro in via della Gazzella: “Ci riserviamo di approfondire nei prossimi giorni quali sono state le dinamiche che hanno portato a negarci l’utilizzo di una sede pubblica per un evento di informazione e approfondimento culturale come quello previsto e già concordato con l’organizzazione del Rimini Summer Pride e con l’amministrazione”, si legge in una nota del centro.

. Il programma della manifestazione sul sito: http://www.summerpride.it/

Altre notizie
Notizie correlate
di Redazione