Indietro
menu
Bellaria Igea Marina Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia

Pericoloso latitante mafioso arrestato dalla Polizia. Soggiornava con la famiglia a Bellaria

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 17 lug 2016 11:57 ~ ultimo agg. 19 lug 18:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 2.741
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ricercato per svariati reati, soggiornava tranquillamente con la famiglia sulla riviera romagnola. Il latitante mafioso Cosimo De Leonardo, 63 anni, è stato arrestato nel pomeriggio di sabato dagli investigatori della Squadra Mobile di Rimini, in collaborazione con i colleghi di Taranto, in una struttura ricettiva di Bellaria Igea Marina. Su De Lenoardo, elemento di spicco del clan “Di Pierro” operante nel capoluogo labronico, pendeva un provvedimento di fermo del P.M. emesso dalla Direzione Distrettuale di Lecce il 20/06/2016, al quale si era sottratto, rendendosi irreperibile. Una volta rintracciato, il 63enne si è mostrato stupito e ha cercato di evitare le manette mostrando un documento di identità contraffatto ma, vistosi scoperto, ha confermato le proprie generalità e si è complimentato con gli operatori di Polizia.
De Leonardo fa parte di una pericolosa associazione mafiosa, il clan Di Pierro, operante nella provincia di Taranto e ritenuta responsabile a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione per delinquere di stampo mafioso, tentato omicidio, estorsione aggravata dal metodo mafioso, rapina aggravata, detenzione illecita di armi clandestine e munizioni, danneggiamento aggravato dal metodo mafioso e altro. Il clan esercita nel tarantino la propria egemonia, imponendo con il metodo mafioso, periodiche dazioni di denaro a commercianti e spacciatori di alcuni quartieri cittadini, perseguendo lo scopo con l’utilizzo di armi ed esplosivi.

De Leonardo, accusato anche di fabbricazione di documento contraffatto, è stato associato al carcere dei Casetti a disposizione della stessa A.G. che dovrà pure provvedere alla convalida del fermo.
L’operazione di Polizia si inserisce in un quadro più ampio di attività di Polizia Giudiziaria svolte dalla Squadra Mobile di Rimini anche finalizzate al rintraccio di latitanti che, nel periodo estivo, si rifugiano sulla riviera romagnola

 
Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
di Redazione