Indietro
menu
Attualità Rimini

Anche a Rimini Cgil sul piede di guerra contro Enel

In foto: repertorio
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 14 lug 2016 12:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Numero e tempi di assunzione inaccettabile”. La Cgil si scaglia contro Enel e mobilita i lavoratori anche in Emilia-Romagna, tra le regioni penalizzate rispetto alle zone del Sud. A Rimini il sindacato ha indetto  un incontro con i dipendenti Enel, lunedì 18 luglio alla Camera del Lavoro. Sarà presente Marinella Goldoni, referente regionale della Filctem Cgil. Tra il 2013-2014, ricorda il sindacato, da Enel ci sono sate 5mila uscite, cui se ne aggiungeranno 6000 entro il 20120. Uscite che non sono compensate da un numero congruo di assunzioni:una scelta scellerata che rischia di mettere in discussione la qualità del servizio elettrico nella Regione, nonché la sicurezza dei lavoratori sottoposti a carichi di lavoro che mal si conciliano con un livello di sicurezza adeguato a un lavoro pericoloso come quello elettrico.”

Ad oggi i dipendenti Enel in Regione sono 496, mentre, per il sindacato, la soglia minima non dovrebbe scendere sotto le 576 unità.