Indietro
menu
Box nero home Rimini

A Rivabella la Madonna pellegrina di Fatima. Nel 2014 ha riunito 15mila fedeli

In foto: la statua della Madonna pellegrina di Fatima
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 11 lug 2016 20:50 ~ ultimo agg. 15 lug 10:56
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.313
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
[kaltura-widget uiconfid=”30012024″ entryid=”0_xx7pvyys” width=”400″ height=”175″ /]

È arrivata domenica pomeriggio  dal mare, a bordo della motonave “Bella Rimini”, scortata dalla Guardia di Finanza e dalla Capitaneria di Porto. Ad accoglierla, intorno alle 18.30, tutta la comunità parrocchiale di Rivabella, i turisti e il Vescovo di Rimini, mons. Francesco Lambiasi.

La statua della Madonna Pellegrina del Santuario di Fatima approda, dunque, a Rivabella, dove resterà fino al 17 luglio. L’occasione di questa visita è il 50° anniversario di fondazione della Parrocchia di Rivabella.
Si tratta della undicesima tappa che la sacra immagine fa in Italia prima di ritornare al Santuario portoghese. La Parrocchia non è il Comitato Turistico, e non intende sostituirsi ad esso. Per cui questa festa del mezzo secolo ha una caratteristica più spirituale; ad ottobre, saranno organizzati altri appuntamenti  –  spiega il parroco, don Giuseppe Giovannelli -. L’esperienza precedente poi ci insegna che la fede condivisa può fare grandi cose nella vita delle persone”.
L’immagine della Madonna Pellegrina di Fatima, infatti, era già sbarcata due anni fa a Rivabella: oltre 15.000 persone erano venute a pregare per quella occasione.  
Ottanta parrocchiani si sono resi disponibili per un servizio giornaliero, dalle 6 alle 24. Coordinatore dei volontari è Luca Pazzini: “Questa esperienza confuta la vulgata che i parrocchiani spariscono durante il periodo estivo– spiega il 46enne – . La proposta ha unito residenti e turisti: anche gli ospiti si prestano al servizio”.
Servizio d’ordine e in chiesa, processioni: queste alcune delle mansioni svolte dai volontari dai 10 agli 80 anni, persino una persona in motocarrozzina ha trovato la sua collocazione.
Il programma della settimana con la Madonna di Fatima sarà caratterizzato ogni giorno da un’intenzione particolare di preghiera. L’apertura è alle ore 6 del mattino con la prima Messa e il rito dell’accensione della lampada e la preghiera per l’Italia. Alle 8 si celebrerà la seconda Messa e a seguire le Lodi Mattutine. Alle ore 11,30 il Rosario che terminerà alle 12 con la recita dell’Angelus. Durante il pomeriggio la chiesa resterà sempre aperta per le visite e la preghiera personale. Alle 18 la Messa vespertina. Alle 20,45 recita del Rosario e alle 21,30 celebrazione della Messa. Al termine della celebrazione è prevista l’esposizione del SS. Sacramento fino alle ore 23. L’ultimo saluto della giornata alla Madonna è programmato alle 23.15 con lo spegnimento della lampada.
Il momento centrale delle giornate sarà la celebrazione delle ore 21,30.
Ogni giorno, infatti, si alterneranno i sacerdoti della Diocesi di Rimini responsabili degli ambiti per i quali si pregherà durante la settimana. Domani è la giornata dedicata ai Giovani. Mercoledì: giornata dedicata ai Malati (con Messa alle 18.30) con l’unzione dei malati. Giovedì: giornata delle vocazioni. Venerdì: giornata del Perdono. Sabato, ultimo giorno di presenza dell’immagine della Madonna, il Vescovo di Rimini presiederà la celebrazione delle 21.30; al termine la Sacra Immagine sarà salutata dal popolo con un concerto della Corale Nostra Signora di Fatima, ripercorrendo, attraverso immagini, i 50 anni di vita della parrocchia in memoria di don Benito Drudi.
Domenica 17 luglio, dopo la Messa delle ore 10, la Madonna di Fatima sarà riaccompagnata in processione al pontile di Rivabella, perché prosegua il suo peregrinare.
Tutte le celebrazioni e i momenti di preghiera possono essere seguiti in streaming sul sito della parrocchia.
Notizie correlate
di Redazione   
Aperture gratis per il pubblico

Arte contemporanea, apre a Rimini il PART

di Redazione   
di Simona Mulazzani