martedì 18 giugno 2019
menu
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 17 feb 2016 11:55
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Anche per il 2016 la Giunta del Comune di Rimini ha dato l’adesione a “Nati per camminare”, il progetto della Regione Emilia-Romagna. “Facciamo comunità camminando” è lo slogan della sesta edizione

Quest’anno il focus – spiega l’Amministrazione Comunale – sarà centrato sul valore delle scelte di mobilità dolce per costruire comunità e migliorare le relazioni di vicinato nelle città e per sottolineare il rapporto fra l’andare a piedi e la socialità. In particolare, saranno approfondite le scelte individuali e collettive di mobilità dolce come promotrici di relazioni, coesione sociale e conoscenza diretta del territorio. Esperienze concrete come i Piedibus sono esempi quotidiani di mobilità e socialità che creano un contesto ideale per la relazione fra pari e con il territorio. La mobilità sostenibile, in bici o piedi, rappresenta uno strumento per migliorare la qualità dell’aria, ma anche per conoscere meglio la propria città e i suoi monumenti e promuovere la sicurezza e il presidio delle strade e città, che si popolano così di cittadini più attivi e attenti.

Destinatari diretti della campagna sono infatti le bambine e i bambini che frequentano le scuole primarie. È grazie ai più piccoli che la campagna punta a sensibilizzare genitori e famiglie e, più in generale, l’opinione pubblica sui temi della mobilità sostenibile attraverso un’azione partecipata che metta al centro i bambini e la scuola.

Si tratta di un format regionale pensato però per far conoscere e valorizzare le esperienze locali già in essere. L’anno scorso sono state più di venti le classi, e centinaia gli alunni, coinvolte nel progetto.

Anche per il 2016 verranno distribuite nelle scuole che aderiranno al progetto le cartoline e manifesti dove i bambini possono disegnare e scrivere un messaggio al sindaco sul tema della mobilità sostenibile. I lavori dei bambini diventeranno il fulcro di eventi pubblici e occasioni di confronto sui temi del camminare quotidiano in tutti i suoi aspetti.

Ricorda Gloria Lisi, vicesindaco con delega ai servizi educativi del Comune di Rimini: “questo importante progetto che cresce anno dopo anno. L’anno scorso sono stati circa 500 i bimbi che hanno partecipato all’iniziativa, e migliaia le cartoline arrivate al Sindaco dagli alunni, con un forte coinvolgimento attivo di insegnanti e famiglie. Un modo di conciliare salute, ambiente e educazione alla mobilità sostenibile. Camminare infatti non solo fa bene alla salute, ma permette anche di conoscere la città in maniera profonda e attenta. A Rimini possiamo contare su alcune buone prassi come quella del piedibus, attivo in circa venti linee con più di 250 bimbi che quotidianamente lo utilizzano per i percorsi casa scuola”.

Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna