mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: Dopo cinque anni di attesa prenderanno il via lunedì i lavori alla “Domus del Chirurgo” a Rimini. Una vicenda un po' travagliata per un'opera storica molto importante per la città. La scheda del progetto.
di    
lettura: 1 minuto
ven 16 lug 2004 19:10 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Mosaici, affreschi e soprattutto il più importante corredo medico dell’occidente romano. Presto torneranno alla luce dal sito di Piazza Ferrari dove hanno riposato per anni, in attesa del via libera ai lavori per la ristrutturazione della Domus Romana. Lunedì finalmente avverrà la tanto sospirata apertura del cantiere per la realizzazione del primo stralcio dei lavori, quello più difficile. Ascoltiamo Tiziano Arlotti,
Assessore ai Lavori Pubblici Comune Rimini

I lavori alla Domus del Chirurgo, chiamata dagli addetti ai lavori la piccola Pompei perchè fu distrutta da un incendio, hanno subito diversi ritardi. La fase progettuale, infatti, partì nell’autunno del ’99, poi lo stop dalla Conferenza dei Servizi del Ministero ai Beni Culturali, soprattutto dovuto alle osservazioni dell’allora sottosegretario Vittorio Sgarbi. Sentiamo Stefano Pivato,
Assessore alla Cultura Comune di Rimini

Tre ponteggi trasparenti permetteranno di passeggiare sopra la Domus e di guardare i reperti all’interno. In vetro o materiali trasparenti anche i pannelli che delimiteranno l’area per permettere di osservare il sito anche dall’esterno. Infine un giardino pensile con oltre 4.000 piante farà da tetto a tutta la “Villa del Chirurgo”. Due le fasi dei lavori che dovrebbero vedere la fine nella primavera del 2006 e prevedono un importo di oltre 3 milioni e 300 mila euro, finanziato quasi al 50% anche dalla fondazione Carim. Sentiamo Bruno Vernocchi,
Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna