martedì 22 gennaio 2019
In foto: Ha reagito con il sangue freddo e la spietatezza di chi non ha più nulla da perdere: Luciano Liboni, il latitante più ricercato d'Italia dal 22 luglio scorso, giorno in cui uccise a sangue freddo l'appuntato Alessandro Giorgioni davanti ad un bar di Sant'Agata Feltria, è stato arrestato, ma si trova in gravi condizioni per una pallottola che lo ha raggiunto al capo.
di    
lettura: 1 minuto
sab 31 lug 2004 14:18 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

E’ successo in via del Circo Massimo, a Roma: una settimana fa, sempre nella capitale, mentre a Novafeltria erano in corso i funerali della sua giovane vittima, era riuscito a fuggire dopo un conflitto a fuoco con la polizia. Oggi, nel giorno in cui Novafeltria è tornata a stringersi attorno a Simona e al piccolo Leonardo per la Messa di Settima, il ‘Lupo’, come è soprannominato, lotta tra la vita e la morte nel reparto di rianimazione dell’ospedale S. Giovanni.
Come raccontano i testimoni, tutto si è svolto in pochi minuti: riconosciuto da una pattuglia di carabinieri, il latitante ha cercato di coprirsi la fuga prima sparando due colpi di pistola, poi con un ostaggio, una turista francese . Nei pressi della fermata della metropolitana Aventino il tentativo è stato bloccato dai carabinieri che l’hanno circondato: ‘lupo’ fino all’ultimo, ha lasciato l’ostaggio e tentato una fuga disperata: a questo punto i carabinieri hanno fatto fuoco: un colpo l’ha raggiunto alla testa.
“Spero che non muoia. Per lui
morire sarebbe un successo. Spero invece che possa capire che
cos’e’ la morte e che cos’e’ la vita” con queste parole il padre di Alessandro Giorgioni, Francesco, ha reagito alla notizia della cattura del killer. La pistola di Liboni, il revolver argentato con il quale ha ucciso il giovane appuntato e col quale ha sparato anche a Roma sabato scorso in via delle Terme di Diocleziano, e’ stato recuperata in terra dai Carabinieri del nucleo operativo di Roma.
Accanto alla pistola, alcuni bossoli esplosi in via del Circo
Massimo contro i due motociclisti del nucleo radiomobile.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna