Indietro
menu
Ambiente Rimini

Enel frena sull'energia solare: la denuncia del Verde Starnini

In foto: Solo danni per i cittadini dal monopolio Enel sull’energia: il Capogruppo dei Verdi in Consiglio comunale a Rimini, Giulio Starnini, denuncia che il ritardo italiano nel ricorrere a fonti energetiche alternative pulite come quelle solari-fotovoltaiche, che permetterebbero risparmio e rispetto ambientale, sia voluto da Enel per motivi di monopolio economico.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 10 set 2003 11:51 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A Barcellona è stata appena emanata, ad esempio, una ordinanza che prevede che in ogni edificio di nuova costruzione sia prevista l’istallazione di pannelli solari che lo rendano autonomo nella produzione di energia.
Rimini e l’Emilia Romagna sono in grave ritardo, spiega Starnini, che in una nota accusa l’Enel di presentarsi attenta all’ecologia solo all’estero per questione di immagine, tanto da aver appena vinto il premio Global energy award per aver alimentato ad energia solare il tabellone luminoso che ha scandito gli ultimi secondi dell’anno 2002 a Times Square a New York.
In Italia, invece, Enel osteggia in ogni modo la produzione di energia pulita anche vessando gli autoproduttori. Starnini polemizza anche con il Comune di Rimini per la collaborazione con Green Elettro service, società affiliata all’Enel, per realizzare i 5 distributori di energia alimentati da cellule fotovoltaiche: un’inezia rispetto al compito più ampio e arduo che spetta per Starnini al Comune, cioè di affrontare più complessivamente il problema energetico.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Redazione