Indietro
menu
il saluto di fine anno

Sadegholvaad guarda con fiducia al 2023: "Più turisti e strutture riqualificate"

In foto: il sindaco di Rimini stappa una bottiglia di spumante
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 30 dic 2022 17:07 ~ ultimo agg. 31 dic 12:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il 2023, al di là di eventi imponderebili, sarà per Rimini l’anno del “rilancio, di una ulteriore ripartenza”. Ne è convinto il sindaco Jamil Sadegholvaad che questa mattina ha incontrato la stampa a Palazzo Garampi per il brindisi di fine anno. “Ci lasciamo alle spalle un 2022 complicato, condizionato dal fattore guerra e dalle sue conseguenze”, dall’aumento delle materie prime all’impatto sul turismo riminese che soffre dell’assenza del mercato russo, ha sottolineato il primo cittadino prima di stappare una bottiglia di bollicine prodotta nella vicina San Marino. A conferma di una rinnovata stagione nei rapporti con la piccola Repubblica, sorride. Tuttavia, ha proseguito Sadegholvaad, “siamo qui, solidi nonostante le difficoltà, grazie a un tessuto imprenditoriale e a un sistema istituzionale che ha lavorato insieme scavallando i momenti complicati”.

Sassolini dalle scarpe da togliersi il sindaco di Rimini dice di non averne, “sono abituato a camminare sui sassi”, ci ha scherzato su. Anche se ci tiene a rimarcare che nelle prime settimane dell’anno incontrerà i vertici della Regione per “migliorare la gestione” dei divieti di balneazione. “Nel 2022 c’è stato uno spiacevole incidente che ha danneggiato la Riviera” e serve un coordinamento maggiore, ha spiegato, senza ovviamente “nascondere nulla, ma senza creare inutili allarmismi”. Per il turismo Sadegholvaad ha messo in evidenza due priorità: da una parte l’aeroporto che significa internazionalzzazione. Con Airiminum “abbiamo costruito un rapporto proficuo e negli ambiti e limiti consentiti dalla legge sosterremo lo scalo”. Passeggeri e turismo, manda a dire a chi verso il comparto è un “po’ insofferente, sono un beneficio per tutti”.

Dall’altra parte occorre puntare sulla riqualificazione alberghiera, capendo con le categorie economiche quali strumenti approntare per fare investire chi ancora non l’ha fatto. Nel 2023, ha proseguito il sindaco rispondendo alle domande dei cronisti, ci saranno due novità importanti per la città: il nuovo vescovo Nicolò Anselmi e il nuovo prefetto Rosa Maria Padovano, “due figure di rilievo, con esperienza, che danno importanza alle dinamiche sociali del territorio”.

Sadegholvaad ha augurato al prefetto uscente Giuseppe Forlenza di “continuare la strada dei risultati importanti ottenuti”, mentre sull’ex vescovo Francesco Lambiasi, che è diventato cittadino onorario, ha detto che “è una soddisfazione sapere che rimarrà a vivere a Rimini”. Ha aggiunto poi di avere incassato dai parlamentari locali, da Andrea Gnassi (“che sento molto spesso”) a Marco Croatti, da Beatrix Colombo a Jacopo Morrone, la disponibilità a lavorare per Rimini: “Ne sono contento”.

La città intanto si prepara al pienone di Capodanno: “Mi hanno mandato le foto delle file di persone che dalla stazione valige in mano si avviano verso il mare e dei rallentamenti sull’A14 da Forlì”. Uno scenario decisamente diverso da quello dello scorso anno, caratterizzato dalla pandemia, anche se dalla Cina arrivano notizie che “un po’ di inquietudine la creano”. Tuttavia il sindaco è ottimista: “Forti dell’esperienza accumulata negli ultimi due anni sapremo gestire il virus nel migliore dei modi, senza territorismo, ma senza negazionismo”. Di certo, ha concluso, “per un riminese vedere la città d’estate invasa dai turisti è una bella sensazione. Dopo due anni complicati Rimini è ripartita bene”. Questa è la più bella cartolina del 2022. Perchè “senza turismo non c’è Rimini”.