Indietro
menu
performer e viaggiatore

Rimini perde Lou Pesaresi, personaggio della storia che non va sui libri

In foto: dal FB del sindaco Sadegholvaad
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 22 dic 2022 13:51 ~ ultimo agg. 23 dic 11:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è spento a 71 anni Luciano ‘Lou’ Pesaresi, personaggio che – come scrive il sindaco Sadegholvaad in un post su Facebook – rappresenta “un pezzo della Storia di Rimini che non finisce (quasi mai) nei libri di Storia di Rimini”. Da giovane aveva lasciato Rimini per Londra dove aveva studiato danza.

da Facebook

Ballerino, conduttore radiofonico, viaggiatore, in molti lo ricordano per le sue performance “indisciplinate” tra teatro e danza in locali come lo Slego e altri luoghi della Rimini notturna tra gli anni 80 e 90. Era comparso nel film “Blue line” del 1995 di Antonino Lakshen Sucameli, ambientato a Rimini. Non aveva mai fatto mistero della sua omosessualità. Era malato da tempo. E’ stato trovato senza vita in casa.

Lou è stata una figura straordinaria della nostra città, dirompente e fuori dalle righe – scrive in una nota Arcigay Rimini “Alan Turing” –. Un artista creativo che con il suo coming out pubblico come uomo bisessuale in anni in cui ciò non era certo frequente ha contribuito a quel percorso di visibilità che ancora oggi stiamo portando avanti con impegno. Lou partecipava occasionalmente alle attività di Arcigay Rimini ma la sua rete di conoscenze e amicizie coinvolgeva largamente la nostra comunità. Con queste parole di cordoglio salutiamo un amico, un artista e un precursore, un pezzo di storia della nostra città“.