Indietro
menu
accensione il 3 dicembre

Natale a Riccione. 9 km di luci green e arriva l'albero vero sul porto

In foto: l'albero sul porto
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 1 dic 2022 17:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono nove i chilometri di luminarie che illumineranno da sabato 3 dicembre il natale riccionese, che sarà all’insegna dell’ecosostenibilità e del risparmio energetico, senza, però, rinunciare alle atmosfere delle feste. La scelta green del Natale riccionese coinvolge gli allestimenti, le scenografie urbane e le luminarie. I portali ad arco su viale Ceccarini con campate di sette metri, decorate con bacche, rami di pino, mirto e vischio, saranno illuminate da di bulbi al led. Le lampadine sfruttano, per la prima volta applicata ad un allestimento di queste dimensioni, una tecnologia innovativa. Nelle sfere luminose sono predisposti dei microchip led che diffondono la luce in maniera uniforme, riproducendo “l’effetto caldo” delle vecchie lampadine a filamento dal gusto retrò ma con un consumo di appena 3 watt rispetto ai 40 watt delle vecchie luci. In termini di consumo si parla di un decimo rispetto al consumo dei tradizionali allestimenti natalizi.

I viali del centro, viale Corridoni, Ippolito Nievo, Virgilio, Gramsci fino al Grand Hotel Des Bains, viale Dante fino ai Giardini dell’Alba (in quest’area l’installazione non è ancora completata: devono ancora essere montati 11 lampadari), ripropongono la stessa tecnologia sulle cordoniere luminose che disegnano i viali per incrociarsi, in punti alterni, a formare lampadari di luce.  Anche in ogni quartiere e sulle vie principali, viale Diaz, Emilia, Verdi e Sicilia, le luminarie saranno al led con luce calda, fissa e avvolgente, firmate dallo storico fornitore di Riccione Cantarini.

Nel frattempo è arrivato l’albero di Natale. Montato in viale Dante al Porto da Geat è un abete alto 15 metri che proviene da un allevamento situato sull’Appennino Tosco-Emiliano, in particolare da Montemignaio (Paese del Natale). E’ un cimale, ossia una punta, proveniente da coltivazioni sostenibili. “La scelta – spiega l’amministrazione di Riccione – va sia nella direzione sia della sostenibilità ambientale che per sostenere le aziende agricole che impiegano centinaia di persone in aree montane che hanno la tendenza allo spopolamento, creando una relazione positiva fra città e montagna”.

L’albero sarà addobbato con luci led bianco caldo. L’accensione è fissata l’8 dicembre all’imbrunire.