Indietro
menu
Lo spiega la senatrice

Coriano. Spinelli: mia indennità di assessore per assumere personale

In foto: Domenica Spinelli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 30 dic 2022 12:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La senatrice di Fratelli d’Italia Domenica Spinelli destinerà la sua indennità di assessore del comune di Coriano (dove è vicesindaca) all’assunzione di un nuovo dipendente nel settore lavori pubblici e manutenzioni. E’ la stessa Spinelli, in accordo col sindaco, a darne l’annuncio. L’indennità di funzione dell’anno 2023 è pari a 18.000 euro. “E’ la legge che prevede di rinunciare al doppio incarico – spiega la senatrice – così ho deciso di proseguire la mia attività di amministratore comunale a Coriano, per la quale i cittadini mi hanno premiata, e di destinare la mia indennità all’ingresso di una ulteriore figura professionale nella macchina comunale favorendo nuova occupazione in un momento non facile dal punto di vista lavorativo per molte persone. La mia rinuncia va quindi nella direzione di dare un contributo concreto a servizio della comunità corianese verso un settore come quello delle manutenzioni sempre sensibile per i cittadini”.

Nel bilancio di previsione del Comune per l’anno 2023 sono state previste le risorse di indennità dell’assessore Spinelli, calcolate da gennaio a dicembre, per spostarle in un altro capitolo del bilancio di previsione riguardante il personale. “Un bilancio estremamente significativo – aggiunge Spinelli – per il quale non ho voluto far mancare il mio apporto anche quando ieri sera, di ritorno da Roma, mi sono collegata per la votazione dall’aeroporto alla seduta del Consiglio comunale .Grande soddisfazione per il lavoro portato avanti da una squadra premiata per la terza volta dai cittadini, oggi guidata dal sindaco Ugolini, al quale rivolgo i miei complimenti per la determinazione nel portare in approvazione entro dicembre un bilancio che, ricordo, non alza le tasse, ha un forte slancio di programmazione nei lavori pubblici e mantiene lo stesso livello dei servizi per i cittadini nonostante il caro energia e gli aumenti causati dall’inflazione.