Indietro
menu
Nella settimana di Ecomondo

Nel Fuorisalone di Basta Plastica in Mare anche "The peacerunner" del Gruppo Icaro

In foto: Manuela Fabbri
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 7 nov 2022 18:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nella settimana di Ecomondo a Rimini, l’associazione Basta Plastica in Mare torna a proporre per il quinto anno una serie di eventi nell’ambito del Fuorisalone: oltre alla presentazione dei nuovi progetti, ci saranno proiezioni al cinema e approfondimenti televisivi in collaborazione col Gruppo Icaro

“Dar voce al mare” questo il titolo scelto dall’associazione Basta Plastica in Mare per gli appuntamenti del Fuori Salone di Ecomondo 2022.

Giovedì alle 21 insieme al Gruppo Icaro ci sarà la proiezione al cinema Tiberio del documentario diretto da Diego Zicchetti “The Peacerunner”, vincitore di 5 premi in festival italiani e internazionali (18 quelli in cui è stato selezionato), che racconta la corsa dell’attivista ambientale Roberto Cavallo nell’ambito dell’iniziativa Keep Clean and Run che combina la corsa nella natura con la raccolta dei rifiuti abbandonati a terra (attività chiamata plogging). Il documentario ripercorre l’edizione 2020 che si sviluppò da Cortina a Trieste lungo il percorso della prima guerra mondiale.

Sempre nell’ambito del Fuori Salone, sabato alle 21.15 su Icaro TV (ch.18) sarà trasmesso un approfondimento nel quale Basta Plastica in Mare, oltre a soffermarsi sulle criticità del progetto per l’impianto eolico davanti alla costa riminese, ripercorrerà l’attività del 2022 e presenterà le iniziative in programma per il 2023. Tra queste, spiega la pres. Manuela Fabbri, il progetto di rifornire, attraverso una start up svizzero/milanese, tutte le attività che fanno asporto con contenitori in plastica dura e lavabile e questo accadrà anche nel salone Ecomondo 2023 dove c’è ancora troppo uso di plastica monouso. E anche nelle mense scolastiche, per evitare lo spreco, gli studenti potranno portare a casa nei loro contenitori lavabili quello che resta dei pasti.