Indietro
menu
convegno

Il futuro che rimane: incontro sui lasciti testamentari

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 24 nov 2022 08:58 ~ ultimo agg. 16 dic 17:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Mercoledì 23 novembre ha avuto luogo, per iniziativa di EducAid e Cittadinanza Onlus, l’incontro “Il futuro che rimane” sul tema del testamento solidale.

Introdotti da Maurizio Focchi, presidente di Cittadinanza Onlus e Ivo Giuseppe Pazzagli, presidente di EducAid; hanno preso la parola Giorgia Brugnettini, presidente di VolontaRomagna; il prof. Giuseppe Savioli, presidente dell’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Rimini, la notaia Rosa Menale, presidente dei Notai dei Distretti riuniti di Forlì e Rimini e l’avv. Carlo Compatangelo dell’Ordine degli Avvocati di Rimini.

Ciascun relatore, per il proprio ambito di competenza, ha illustrato le potenzialità e il valore dello strumento del lascito solidale, concordando sulla necessità di promuoverne la conoscenza attraverso azioni di sensibilizzazione verso la cittadinanza e di formazione a favore delle organizzazioni che operano nell’ambito della solidarietà e della filantropia.

In particolare la dottoressa Menale nel suo intervento ha sottolineato come negli ultimi quattro anni la propensione degli italiani al lascito solidale sia aumentata del 55%, segno dell’importante cambiamento culturale in atto, e di come il Consiglio Nazionale del Notariato sia fortemente impegnato in campagne di informazione e responsabilizzazione sull’argomento.

“Il lascito solidale – ha continuato – è un patto di responsabilità e altruismo che nel rispetto dei diritti degli eredi legittimari, arricchisce il testamento dei valori e degli ideali in cui il testatore ha sempre creduto. In maniera semplice con il lascito/testamento solidale, il testatore può lasciare i beni disponibili a favore di uno o più enti no profit da lui identificati, nella certezza che il o i suoi desideri si realizzeranno. Non ci sono limiti alle cause benefiche che il testatore intende realizzare, si potrà costruire, partecipare a rendere il mondo un posto migliore dove i bambini possano crescere sani e vedere realizzato il loro diritto allo studio. Un mondo che si prenda cura dei malati e soprattutto che contribuisca economicamente alla ricerca scientifica, a combattere le malattie, in particolare quelle disabilitanti e mortali. Un mondo in cui la cultura sia un patrimonio di tutti, dove prevalga il diritto ed il rispetto della dignità di tutte le persone, senza nessuna discriminazione”.

Altre notizie
intervista Cristiana Balducci

Valturio Economia 2023, energie in circolo

di Stefano Rossini
VIDEO
di Redazione