Indietro
menu
paura a marina centro

Svegliato nel cuore della notte da un ladro armato di coltello

In foto: repertorio
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 29 set 2022 17:17 ~ ultimo agg. 30 set 13:27
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stato svegliato nel cuore della notte da alcuni rumori sospetti e all’improvviso si è ritrovato faccia a faccia con il ladro, un 31enne nordafricano che impugnava un coltello. Attimi di paura a Marina Centro, dove l’altra notte, intorno alle 3, si è consumata una rapina all’interno di un’abitazione di viale Principe Amedeo.

Il ladro, di nazionalità marocchina, si sarebbe introdotto nella villetta forzando una finestra, poi avrebbe rovistato nelle stanze in cerca di oro e altri oggetti di valore. Sorpreso dall’anziano mentre frugava tra le sue cose, non ci ha pensato un attimo a puntargli contro il coltello minacciandolo di morte. Le urla dell’uomo, avvertite dai vicini, hanno consigliato al nordafricano di fuggire a bordo di un monopattino elettrico. Prima, però, ha arraffato alcuni monili in oro.

Sono state le Volanti della polizia, accorse in viale Principe Amedeo su richiesta dei vicini, a intercettare il ladro in strada. Prima hanno trovato il monopattino abbandonato a terra insieme allo zainetto con la merce rubata, poi hanno sorpreso l’uomo disteso a terra sul balcone di un appartamento adiacente. Gli agenti hanno ingaggiato un corpo a corpo con il nordafricano, che ha opposto una strenua resistenza pur di evitare la cattura e ha sferrato una testata al volto di un poliziotto, ferendolo. Una volta immobilizzato e disarmato con un calcio, è stato condotto in questura e arrestato in flagranza con le accuse di rapina, furto in abitazione e resistenza a pubblico ufficiale e deferito in stato di libertà per ricettazione e rifiuto di indicazione dell’identità personale. Trasferito nel carcere dei Casetti, venerdì mattina comparirà in tribunale per l’udienza di convalida davanti al gip. La refurtiva è stata restituita all’anziano, che, seppur sotto choc, non ha riportato conseguenze fisiche.

]