Indietro
menu
arrestati dalla Polizia

Sparano colpi in pieno pomeriggio. Avevano segni distintivi in uso alla Polizia

In foto: il materiale sequestrato
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 7 set 2022 18:39 ~ ultimo agg. 8 set 12:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Martedì pomeriggio la Polizia di Stato di Rimini ha tratto in arresto due giovani, uno italiano e l’altro albanese, per i reati di Porto Abusivo di Armi clandestine in concorso e possesso di segni distintivi contraffatti.

Intorno alle 17 una volante della Questura di Rimini è intervenuta in via Buonanotte, nella zona di San Lorenzo a Monte, dopo la telefonata di un cittadino che aveva udito alcuni colpi di arma da fuoco e di aver visto gli autori allontanarsi fuggendo a bordo di uno scooter.

Giunti sul posto i poliziotti, dopo aver appreso dal richiedente la direzione di fuga dei due soggetti, muovendosi con molta cautela vista la segnalazione di esplosione di arma da fuoco, riuscivano li hanno rintracciati poco dopo e con loro anche lo scooter segnalato. I due da subito sono apparsi agitati. Dopo un controllo più accurato gli agenti hanno trovato all’interno della sella una pistola alterata ed un silenziatore, clandestini in Italia, molto caldi da far dedurre il recente utilizzo.

I due, inoltre, dopo una perquisizione domiciliare sono stati trovati in possesso di diversi segni distintivi, contrassegni o documenti di identificazione in uso ai corpi di Polizia, oltre che di un telefono cellulare, documenti, oggetti non di loro proprietà e di cui non sapevano giustificare il possesso.

Sono stati tratti in arresto in attesa di convalida. Sono stati inoltre denunciati in stato di libertà per Alterazione di armi in concorso, Ricettazione e Detenzione Abusiva di armi in concorso.