Indietro
menu
il piano dell'arenile

Rimini ridisegna l'arenile: nuovi servizi, meno superfici coperte

In foto: la spiaggia di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 22 set 2022 08:08 ~ ultimo agg. 17:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Mercoledì l’assessora al Demanio del Comune di Rimini Roberta Frisoni ha incontrato i rappresentanti della categoria degli operatori balneari per illustrare principi e linee guida di quello che sarà il nuovo piano dell’arenile di Rimini. Si è trattato del primo di una serie di confronti che accompagnerà la redazione del nuovo piano dell’arenile e che vedranno a confronto amministratori e tecnici dei diversi settori del Comune con i diversi stakeholders e sensibilità – dal turismo, al sociale, al lavoro, all’ambiente – coinvolti nel progetto di riqualificazione che interesserà la spiaggia.

L’obiettivo è quello di portare il piano dell’arenile all’assunzione del provvedimento in Giunta comunale entro la fine di quest’anno, per poi sottoporlo all’iter di adozione in consiglio comunale a inizio 2023 e arrivare all’approvazione entro l’anno.

L’incontro è servito dunque per presentare ai rappresentanti degli operatori balneari gli obiettivi e gli strumenti che l’amministrazione comunale intende adottare per accendere il percorso di rigenerazione dell’arenile, a Rimini nord, San Giuliano e Rimini sud.

Il nuovo piano spiaggia,  si inserisce in un contesto in evoluzione, caratterizzato dal nuovo contesto normativo italiano relativo alle concessioni balneari (su cui gravano ancora incertezze dal momento che i decreti attuativi devono però ancora essere definiti), delle conseguenze dettate dalla pandemia e dall’attuale crisi energetica e dalle opportunità scaturite dall’attuazione dell’opera pubblica del Parco del Mare .

Quattro gli obiettivi strategici che si propone il piano dell’arenile: migliorare la qualità attraverso il rinnovamento delle strutture di spiaggia e l’alleggerimento delle superficiinnovare il prodotto turisticoaumentare la connessione della fascia dell’arenile con il Parco del Mare e aumentare la fruibilità libera delle spiagge.  

Prevista una serie di azioni per la riqualificazione completa dell’arenile tramite la sostituzione edilizia da promuoversi con le nuove evidenze pubbliche. In particolare si promuoverà l’aggregazione e gli accorpamenti tra stabilimenti e la riduzione delle superfici coperte, attraverso specifiche premialità differenti a seconda del comparto nord e sud, che si distinguono per conformazione e dotazioni di servizi. È inoltre in corso, ha ricordato l’Amministrazione Comunale, un lavoro volto alla definizione delle linee guida per gli interventi, a partire dallo studio svolto da Miralles/Tagliabue.

Per l’arenile sarà mantenuta l’organizzazione per fasce, aggiornandone le caratteristiche per meglio integrare la rigenerazione dell’arenile con la riqualificazione del waterfront. In particolare la zona A e B destinate a zone verdi, servizi di sosta (la prima) e servizi (la seconda) saranno i tasselli di congiunzione con l’opera pubblica del Parco del Mare, nell’ottica anche di promuovere la destagionalizzazione della fruizione della zona mare.

Nell’ottica di aumentare la fruibilità della spiaggia anche di inverno va la scelta – per il tratto sud di Rimini – di creare nuovi varchi di accesso a mare in corrispondenza delle piazze (Fellini, Marvelli, Croce, ecc.) sull’esempio di quanto fatto per piazzale Kennedy. Nuove cerniere tra mare e passeggiata a fruizione libera, accessibili tutto l’anno.

Discorso a parte per San Giuliano, coinvolto nel progetto Atuss (Agenda Trasformativa Urbana per lo Sviluppo Sostenibile), attraverso il quale si prevede di completare attraverso una serie di azioni di sistema integrate, la riqualificazione dell’ultimo tratto di Porto Canale e dell’area a verde pubblico del “Lido San Giuliano” di San Giuliano Mare.

Parallelamente prosegue l’impegno dell’Amministrazione sul fronte della riduzione dei danni da ingressione marina, procedendo dove si riterrà necessario con l’innalzamento della quota di lungomare così come già realizzato per alcuni tratti del Parco del Mare.