Indietro
menu
Il torneo di Repubblica

'La lista delle cose semplici' di Lucia Renati tra i migliori romanzi del 2021 per Robinson

In foto: La lista delle cose semplici
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 11 set 2022 15:26 ~ ultimo agg. 15:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“La lista delle cose semplici”, romanzo d’esordio della giornalista riminese Lucia Renati edito da Sperling & Kupfer, è stato selezionato tra i sedici migliori libri di narrativa del 2021 nel torneo letterario Robinson promosso da Repubblica.

Il cammino del romanzo di Lucia Renati, volto noto dei media del Gruppo Icaro, si è fermato agli ottavi di finale ma si tratta comunque di un risultato di grande rilievo e prestigio: il torneo è infatti partito con 850 libri selezionati tra quelli pubblicati lo scorso anno. E’ una giuria composta da lettori volontari che poi recensisce i libri e decide quali mandare avanti nel torneo, per decretare il miglior libro di narrativa del 2021.

“La lista delle cose semplici” ha ceduto il passo al romanzo “Gli sciacalli” del ferrarese Alex Carlini (Newton Compton)

Lucia Renati


“La lista delle cose semplici” di Lucia Renati (Sperling & Kupfer, 2021)

Due sorelle gemelle, la lista delle dieci cose più importanti da fare nella vita. Un legame che supera ogni confine, un decalogo per tornare a vivere.

Camilla e Sara sono gemelle. La lista delle dieci cose più importanti da fare nella vita l’hanno stilata insieme, a nove anni: arrivare a cento salti, dire la verità, baciare solo per vero amore… Quando Sara, appena undicenne, viene a mancare tragicamente, Camilla si trova a dover crescere senza la sua metà, a dover ricalcolare la rotta della sua vita. Ma come si riparte dopo un dolore così grande? Come si fa ad amare di nuovo, a fidarsi e affidarsi a qualcuno senza pensare che prima o poi, improvvisamente, potrebbe lasciarti? Così Camilla per anni relega in un angolo di cuore quel tassello di vita che però compare in ogni sua scelta e la tiene bloccata al passato. Cinica e disillusa, ora che è adulta, lavora come giornalista in una TV locale. Impermeabile all’amore di Andrea, il fidanzato devoto che prova con la dolcezza a raggiungere il suo cuore, crede che i sentimenti siano sopravvalutati. A scalfire la sua corazza ci provano anche Tea, amica d’infanzia e collega un po’ fricchettona, e i suoi genitori, Walter e Teresa, che convivono con un dolore inimmaginabile senza parlarne mai. Perché perdere un figlio è una cosa alla quale non si riesce a dare un posto, né fuori, né dentro di noi. Vent’anni dopo la morte di Sara, Camilla ritrova per caso quella lista di cose semplici scritta da bambine e non riesce più a ignorarla. Il tentativo di mettere in pratica quel decalogo farà venire a galla un potente segreto di famiglia, che darà risposta alla domanda che da sempre la perseguita: «Perché io sono viva e lei no?» Ispirato alle vicende autobiografiche dell’autrice, “La lista delle cose semplici” è la storia commovente di rinascita e speranza di una giovane donna dopo una terribile tragedia. Un esordio che lascia il segno.