Indietro
menu
Luci e ombre

Export, semestre di crescita ma preoccupano svalutazione euro e inflazione

In foto: Export
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 25 set 2022 11:20 ~ ultimo agg. 23 set 13:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nel primo semestre 2022 le esportazioni in provincia di Rimini sono state pari a 1.443 milioni di euro, il 16,5% in più dello stesso semestre 2021. In Emilia Romagna però la crescita ha sfiorato il 20% e in Italia ha superato il 22. Tra le province emiliano-romagnole, a parte il calo di Piacenza, Rimini si posiziona al sesto posto, davanti comunque a Bologna e a Forlì-Cesena. Le importazioni ammontano invece a 818 milioni di euro, con un incremento del 55,4%. Resta quindi positivo il saldo commerciale ma in contrazione del 12,3% rispetto al 2021. A trainare l’export riminese sono i prodotti in metallo e quelli alimentari, + 46,7% per i primi e +42,9% i secondi. I due settori principali restano però i macchinari e gli apparecchi meccanici, le cui esportazioni crescono del 2,8%, e l’abbigliamento (+11,7%). Bene anche i mezzi di trasporto (+24,5%) e in particolare navi e imbarcazioni, gli apparecchi elettrici (+17) e gli articoli in gomma e materie plastiche (+19,9). I principali Paesi di destinazione sono Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania. Ed è il Regno Unito a registrare la maggiore variazione annua (+110,7%). La guerra tra Ucraina e Russia, e le relative sanzioni decise dall’UE sono invece la causa del -36,6% di export verso la Russia. La Camera di Commercio della Romagna prova a leggere questi dati alla luce dell’attuale situazione internazionale. L’inflazione molto alta (trainati dai costi energetici) e il deprezzamento dell’euro stanno infatti giocando un ruolo preponderante sull’aumento del valore delle esportazioni. La svalutazione dell’euro, però, sta avendo ripercussioni negative sulle importazioni, cresciute, in termini percentuali, più del triplo rispetto alle esportazioni facendo peggiorare il saldo della bilancia commerciale. Le imprese romagnole, dice il presidente Battistini, dimostrano però vitalità e dinamismo nonostante le difficoltà contingenti.

]